Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana

Spacciava hashish per arrotondare la pensione: arrestato 68enne foto

Teneva nascosta la droga nell’abitazione insieme a tutto il necessario per preparare le dosi da vendere

Più informazioni su

CARRARA – Proseguono senza sosta le indagini dei Carabinieri di Carrara per contrastare lo spaccio di stupefacenti in città. Questa volta gli investigatori dell’Arma hanno chiuso il cerchio intorno a uno spacciatore di 68anni, che negli ultimi tempi aveva ripreso in sordina a tenere le fila dello spaccio di hashish e marijuana nella zona di Avenza.

L’uomo, che ha cittadinanza italiana ma è nato in Slovenia, al termine di una serie di appostamenti che sono serviti per studiare le sue abitudini, è stato fermato dai Carabinieri del Nucleo Operativo appena uscito dalla sua abitazione che si trova nella zona di Via Covetta. Aveva con sé una dose di hashish sicuramente destinata a qualche acquirente, che ha cercato fino all’ultimo di tenere stretta nel pugno della mano, dopo che aveva giurato e spergiurato di non avere nulla di illegale addosso.

A quel punto, è scattata la perquisizione a casa sua, dove in un primo tempo i militari dell’Arma hanno trovato soltanto un po’ di marijuana lasciata in bella mostra sul tavolo della cucina, poi hanno controllato da cima a fondo le stanze dell’appartamento, senza dar retta alle parole del 68enne che ha cercato in tutti i modi di “depistarli”.

Alla fine, sono spuntati altri 200 grammi di hashish che erano stati nascosti nella camera da letto e perfino dietro l’impianto stereo montato nel salotto, dove è stato recuperato anche il bilancio di precisione e il restante materiale per confezionare le dosi, compreso un coltello per tagliare i panetti di “fumo”.

Ritenendo che quella droga tenuta ben nascosta dal pensionato fosse destinato a soddisfare le richieste dei suoi clienti, i Carabinieri lo hanno dichiarato in arresto per “detenzione illecita di droga ai fini di spaccio”, quindi hanno illustrato i dettagli dell’operazione al Pubblico Ministero Marco Mansi. Durante l’udienza di convalida davanti al Giudice Giovanni Maddaleni, l’anziano si è avvalso della facoltà di non rispondere. Il processo è stato rinviato ad ottobre, nel frattempo il 68enne dovrà rimanere agli arresti domiciliari.

Più informazioni su