Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana

Lo scontro cavatori-ambientalisti si accende sulle Apuane. «Spintonati e aggrediti verbalmente»

Nessuna forza dell'ordine a presidiare le manifestazioni. Tra gli imprenditori e i lavoratori del marmo presente anche il deputato del Pd Umberto Buratti. Tra gli ambientalisti, invece, l'atleta paraolimpico Andrea Lanfri

APUANE – Lo scontro tra lavoratori e imprenditori del marmo da una parte e ambientalisti dall’altra si accende sulle cime apuane del versante lucchese. “Circonderemo tutta la catena montuosa delle Alpi Apuane, con il nostro enorme abbraccio dato da 30 gruppi su 30 diverse cime delle nostre amate montagne martiri – si legge nell’annuncio di ieri mattina sulla pagina Facebook di “Apuane libere”, l’associazione che ha condotto l’iniziativa “Bandiere apuane al vento” – Chi ama la natura, i monti, l’ acqua, la flora, la fauna, l’ aria, le cavità carsiche, non può non protestare contro il selvaggio saccheggio che giornalmente viene portato avanti sulle Apuane”.

Trentuno associazioni sotto la guida di Apuane libere si sono riunite per piccoli flash-mob su ogni vetta con un obiettivo che, nella lotta perenne del mondo ambientalista contro gli effetti dell’attività di escavazione, rimane sempre il solito: dire «basta» allo “scempio dell’estrazione selvaggia”. Tra gli ambientalisti, anche l’atleta paraolimpico Andrea Lanfri.

Parallelamente a questa protesta però, si è svolta anche una manifestazione di imprenditori e lavoratori del lapideo cui ha partecipato anche il deputato del Partito Democratico Umberto Buratti, che con la sua presenza ha voluto esprimere solidarietà ai lavoratori e alle loro famiglie, nonché ai sindacati e agli imprenditori del settore. Inevitabilmente quindi si è acceso lo scontro. Gianluca Briccolani, presidente di  ‘Apuane Libere’, racconta di un episodio di tensione sul Passo Sella, durante il quale alcuni dei rappresentanti dell’associazione sarebbero stati spintonati. Episodio denunciato anche sulla pagina Facebook di Apuane Libere: “Atto gravissimo durante la diretta Facebook a passo Sella: è stato aggredito verbalmente e spintonato il presidente di Apuane Libere Gianluca Briccolani”. Un’ora dopo, in un altro post si legge: “A seguito dell’aggressione verbale è stata cancellata dal telefonino – tirato in aria – la diretta Facebook. Se qualcuno l’ha registrata ce l’ha può inviare? Lo abbiamo visto in diretta: si vedono bene gli eroi contro donne e bambini”.

Nessuna forza dell’ordine ha presidiato le due manifestazioni. Polizia e carabinieri hanno ritenuto che la situazione non fosse così calda da richiedere il loro intervento.