Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana

Cocaina, perquisizioni a Marina di Massa: arrestato spacciatore “in trasferta”

Un albanese è stato preso dai carabinieri mentre si trovava a Pietrasanta. Sequestrati 14 grammi e oltre 3mila euro

VERSILIA – Proseguono i controlli antidroga dei Carabinieri della Compagnia di Viareggio su tutto il territorio della Versilia, con due arresti e decine di dosi di droga sequestrate nell’arco di poche ore. Nella serata di venerdì scorso i militari della Stazione di Pietrasanta hanno arrestato un 41enne, cittadino albanese, residente a Marina di Massa (Massa-Carrara) e con precedenti per reati inerenti gli stupefacenti.

Lo straniero è stato fermato mentre si aggirava con fare sospetto per alcune vie del centro di Pietrasanta a bordo della propria moto, risultata priva di copertura assicurativa. Il veicolo, prima di essere sottoposto a sequestro amministrativo ai sensi dell’art. 193 del Codice della Strada, è stato sottoposto a perquisizione da parte della pattuglia della locale Stazione Carabinieri. Nel corso del controllo i militari hanno rinvenuto all’interno di un marsupio di proprietà dello straniero 14 grammi di “cocaina” suddivisa in dosi oltre alla somma di 785 euro in banconote di vario taglio, verosimilmente provento dell’attività di spaccio.

La successiva perquisizione all’interno dell’abitazione dell’uomo a Marina di Massa consentiva ai Carabinieri di sequestrare penalmente una ulteriore somma di denaro pari a 2.245 euro di cui lo straniero non forniva giustificazione.

Nel corso della stessa serata i Carabinieri di Forte dei Marmi invece hanno tratto in arresto un cittadino italiano, classe 63, giardiniere, con precedenti penali.  L’uomo, sottoposto a perquisizione d’iniziativa dai militari presso la propria abitazione, veniva trovato in possesso 250 grammi di marijuana nonché 12 piante di canapa, un bilancino di precisione e la somma in contante di 3350 euro, provento di spaccio. I due arrestati sono stati collocati agli arresti domiciliari presso le proprie abitazioni in attesa dell’udienza di convalida celebrata sabato mattina presso il Tribunale di Lucca durante la quale sono stati disposti nuovamente gli arresti domiciliari per lo straniero e l’obbligo di firma per l’italiano.