Quantcast
LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Sull’Aurelia a velocità folle e con undici chili di droga in auto: arrestato 43enne massese foto

Maxi sequestro per i Carabinieri di Massa: uno dei più importanti fatti negli ultimi anni. Probabilmente diretto al mercato locale, avrebbe potuto fruttare, al dettaglio, oltre 100.000 euro

MASSA – Intorno alle 18,30, percorreva l’Aurelia a tutta velocità mettendo in pericolo l’incolumità degli altri utenti della strada in quel momento alquanto trafficata. Manovre spericolate, che non sono sfuggite d un equipaggio del Nucleo Radiomobile della Compagnia di Massa che in quel momento stava percorrendo l’arteria stradale in direzione opposta rispetto a quella della Suzuki. A quel punto ha preso il via un breve inseguimento al termine del quale il veicolo è stato fermato in sicurezza, nei pressi del distributore Agip. Il conducente, un 43enne residente a Massa, è apparso subito agitato, probabilmente non solo per le numerose violazioni al codice della strada da lui appena commesse. I militari, insospettiti dall’atteggiamento dell’automobilista, hanno perquisito il veicolo, trovando nel portabagagli un borsone al cui interno erano celati ben 10 involucri trasparenti contenenti ciascuno oltre un chilo di marijuana.

Nel corso della perquisizione domiciliare i militari hanno poi trovato e sequestrato 100 grammi di hashish e un bilancino di precisione. Circa la provenienza e la destinazione dei quasi 11 chili di droga sequestrata l’uomo, di professione elettricista, non ha fornito alcuna spiegazione, limitandosi a nominare l’avvocato di fiducia. Saranno ora le indagini dei Carabinieri a dover fare luce sull’attività di spaccio chiarendo i lati oscuri della vicenda.

L’arrestato, dopo l’avviso al Pubblico Ministero, dott. Marco Mansi, è stato tradotto al carcere di Massa, a disposizione del GIP del locale Tribunale, in attesa della convalida dell’arresto.

Si tratta di un sequestro ingente, uno dei più importanti fatti a Massa negli ultimi anni, probabilmente diretto al mercato locale, che avrebbe potuto fruttare, al dettaglio, oltre 100.000 euro.