LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Due nuovi furti ad Aulla. Il sindaco: «Serve il massimo rigore». E il Comitato per la sicurezza entra in azione foto

Due nuove spaccate nella notte: ad essere colpiti il ristorante Locanda Magno e il fiorario "Fioriselda". Proseguono le indagini dei Carabinieri. Comune e Prefettura al lavoro per arrestare l'ondata

AULLA – Non si arresta l’ondata di furti notturni ad Aulla, iniziata un mese fa con l’irruzione al centro sportivo dell’Aullese Calcio e proseguita poi con le spaccate ai parrucchieri “Les Folies” e “I Giz”, ai negozi Q8 e Micio Bau e infine ad un noto negozio di calzature del centro. Questa notte, invece, è stato il turno del ristorante “Locanda Magno” e del negozio di fiori “Fioriselda”. E la dinamica è sempre la stessa: vetrine a pezzi e locale messo a soqquadro. Circa una settimana fa era arrivato l’allarme di Confesercenti, con il responsabile Massa-Carrara e Lunigiana Adriano Rapaioli che, oltre ad esprimere solidarietà verso gli esercenti colpiti, sottolineava gli ingenti danni economici e l’ansia crescente di alcuni che, per il timore di essere i prossimi, avevano scelto di passare la notte all’interno dei propri locali. Il responsabile dell’associazione chiedeva quindi la programmazione di un controllo costante e coordinato delle forze dell’ordine ad interrompere “il vortice di violenza e follia”.

Un primo step, in questo senso, è già stato fatto da Comune e Prefettura. “Il Prefetto Claudio Ventrice – spiega il Sindaco di Aulla Roberto Valettini – ha mostrato fin da subito grande sensibilità e interesse. Insieme a lui è nata l’idea di fare ad Aulla un comitato per la sicurezza e per l’ordine pubblico, che si riunirà tra giovedì e venerdì e per la prima volta opererà fuori dalla sede istituzionale. Nel frattempo stiamo seguendo con costanza le indagini, ad opera dei Carabinieri di Aulla. Ritengo che i comportamenti di questi delinquenti debbano essere severamente puniti, perché le loro azioni provocano un danno al commercio, alla sicurezza e all’immagine di Aulla. Serve il massimo rigore”.

Riguardo alla dinamica dei furti, il primo cittadino ha chiarito: “Si tratta più di atti delinquenziali e dimostrativi che di veri e propri furti. Questa notte, ad esempio, hanno tentato di rubare l’incasso ma non hanno trovato nulla nel registratore di cassa. E’ indubbio comunque che il danno sia notevole, sia di immagine che di sicurezza. Il Comune di Aulla non intende più sopportare queste azioni e le loro conseguenze nei confronti di commercianti già in ginocchio per gli effetti della pandemia. A loro assicuriamo il nostro massimo impegno”.