LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Coronavirus, 16 positivi in più e un decesso a Massa-Carrara. Lieve calo di ricoveri al Noa

Le vaccinazioni arrivano a quota 2.653 nella provincia apuana. In Toscana le persone ricoverate nei posti letto dedicati ai pazienti Covid oggi sono complessivamente 855 (23 in meno rispetto a ieri), 132 in terapia intensiva (8 in meno)

Più informazioni su

MASSA-CARRARA – In Toscana sono 424 i positivi in più rispetto a ieri, su un totale, da inizio epidemia, pari a 126.564 unità. I nuovi casi sono lo 0,3% in più rispetto al totale del giorno precedente. L’età media dei 424 nuovi positivi odierni è di 48 anni circa (il 12% ha meno di 20 anni, il 25% tra 20 e 39 anni, il 34% tra 40 e 59 anni, il 19% tra 60 e 79 anni, il 10% ha 80 anni o più).

I guariti crescono dello 0,5% e raggiungono quota 113.949 (90% dei casi totali). I tamponi eseguiti hanno raggiunto quota 1.998.217, 9.247 in più rispetto a ieri, di cui il 4,6% positivo. Sono invece 3.697 i soggetti testati oggi (escludendo i tamponi di controllo), di cui il 11,5% è risultato positivo. A questi si aggiungono i 3.772 tamponi antigenici rapidi eseguiti oggi. Gli attualmente positivi sono oggi 8.685, -1,6% rispetto a ieri. Le persone ricoverate nei posti letto dedicati ai pazienti Covid oggi sono complessivamente 855 (23 in meno rispetto a ieri, meno 2,6%), 132 in terapia intensiva (8 in meno rispetto a ieri, meno 5,7%).

Oggi si registrano 14 nuovi decessi: 8 uomini e 6 donne con un’età media di 78 anni. Relativamente alla provincia di residenza, le persone decedute sono: 6 a Firenze, 1 a Prato, 1 a Massa-Carrara (donna di 85 anni), 2 a Lucca, 1 a Pisa, 1 a Arezzo, 1 a Siena, 1 a Grosseto. Alcuni dei decessi comunicati agli uffici della Regione nelle ultime 24 ore si riferiscono a morti avvenute nei giorni/periodi precedenti.

Questi i dati – accertati alle ore 12 di oggi sulla base delle richieste della Protezione Civile Nazionale – relativi all’andamento dell’epidemia in regione. Si è avviata dal 27 dicembre 2020 la campagna vaccinale anti-Covid. Alle 12.00 di oggi sono state effettuate complessivamente 57.223 vaccinazioni, 3.829 in più rispetto a ieri (+7,2%), tenendo presente che le Aziende del Sistema Sanitario Regionale proseguono per l’intera giornata. La Toscana è la quarta Regione per percentuale di dosi somministrate su quelle consegnate (il 71% delle 80.570 consegnate), per un tasso di vaccinazioni effettuate di 1.534 per 100mila abitanti (media italiana: 1.468 per 100mila).

Di seguito i casi di positività sul territorio con la variazione rispetto a ieri. Sono 35.240 i casi complessivi ad oggi a Firenze (137 in più rispetto a ieri), 10.843 a Prato (25 in più), 10.773 a Pistoia (44 in più), 7.938 a Massa-Carrara (16 in più: Carrara 10, Massa 6, Altopascio 4, Capannori 3, Lucca 6), 13.170 a Lucca (26 in più), 17.389 a Pisa (28 in più), 9.434 a Livorno (55 in più), 11.354 ad Arezzo (35 in più), 5.551 a Siena (51 in più), 4.317 a Grosseto (7 in più). Sono 555 i casi positivi notificati in Toscana, ma residenti in altre regioni. Sono 212 i casi riscontrati oggi nell’Asl Centro, 119 nella Nord Ovest, 93 nella Sud est.

La Toscana si trova al 12° posto in Italia come numerosità di casi (comprensivi di residenti e non residenti), con circa 3.393 casi per 100.000 abitanti (media italiana circa 3.842 x100.000, dato di ieri). Le province di notifica con il tasso più alto sono Prato con 4.207 casi x100.000 abitanti, Pisa con 4.150, Massa-Carrara con 4.073, la più bassa Grosseto con 1.948.

Complessivamente, 7.830 persone sono in isolamento a casa, poiché presentano sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere o risultano prive di sintomi (118 in meno rispetto a ieri, meno 1,5%). Sono 12.017 (120 in più rispetto a ieri, più 1%) le persone, anche loro isolate, in sorveglianza attiva, perché hanno avuto contatti con persone contagiate (Asl Centro 3.171, Nord Ovest 5.371, Sud Est 3.475).

Le persone complessivamente guarite sono 113.949 (551 in più rispetto a ieri, più 0,5%): 440 persone clinicamente guarite (25 in meno rispetto a ieri, meno 5,4%), divenute cioè asintomatiche dopo aver presentato manifestazioni cliniche associate all’infezione e 113.509 (576 in più rispetto a ieri, più 0,5%) dichiarate guarite a tutti gli effetti, le cosiddette guarigioni virali, con tampone negativo.

Sono 3.930 i deceduti dall’inizio dell’epidemia cosi ripartiti: 1.324 a Firenze, 265 a Prato, 291 a Pistoia, 406 a Massa Carrara, 370 a Lucca, 463 a Pisa, 281 a Livorno, 230 ad Arezzo, 143 a Siena, 101 a Grosseto, 56 persone sono decedute sul suolo toscano ma erano residenti fuori regione.

Il tasso grezzo di mortalità toscano (numero di deceduti/popolazione residente) per Covid-19 è di 105,4 x100.000 residenti contro il 133,1 x100.000 della media italiana (11° regione). Per quanto riguarda le province, il tasso di mortalità più alto si riscontra a Massa Carrara (208,3 x100.000), Firenze (130,9 x100.000) e Pisa (110,5 x100.000), il più basso a Grosseto (45,6 x100.000).

LA SITUAZIONE NEGLI OSPEDALI DELL’ASL TNO
Per quanto riguarda i ricoveri per “Covid-19”, negli ospedali dell’Azienda USL Toscana nord ovest sono in totale 253 (ieri erano 264), di cui  24 (ieri erano 25) in Terapia intensiva. All’ospedale di Livorno 69 i ricoverati, di cui 2 in Terapia intensiva. All’ospedale di Lucca 35 i ricoverati, di cui 5 in Terapia intensiva. All’ospedale Apuane 50 ricoverati (-1 rispetto a ieri), di cui 9 in Terapia intensiva (+1 rispetto a ieri). All’ospedale Versilia 61 ricoverati, di cui 4 in Terapia intensiva. All’ospedale di Pontedera 18 ricoverati, di cui 1 in Terapia intensiva. All’ospedale di Cecina 18 i ricoverati, di cui 3 in Terapia intensiva. All’ospedale di Barga 2 i ricoverati.

Dal monitoraggio giornaliero, infine, su tutto il territorio dell’Azienda USL Toscana nord ovest, ad oggi (14 gennaio) sono 5.371 (-64 rispetto a ieri) le persone in quarantena perché hanno avuto contatti con persone contagiate.

LE VACCINAZIONI
Per ciò che concerne le vaccinazioni anti-Covid prosegue il piano elaborato e attuato dall’Azienda USL Toscana nord ovest che prevede in questa prima fase di raggiungere operatori del sistema sanitario e ospiti delle Residenze sanitarie assistenziali (Rsa). A ieri (13 gennaio) le persone vaccinate erano 11.870  tra operatori sanitari (9.721), altro personale (155) e ospiti delle Residenze sanitarie assistenziali (1.994).

Sono stati vaccinati 3.773 uomini e 8.097 donne. Per quanto riguarda le fasce d’età la maggior parte dei vaccinati, a ieri  (13 gennaio) apparteneva alla fascia 50-59 anni: 3.149; segue la fascia d’età 40-49 con 2.166 vaccinati; quindi la fascia 60-69 con 1.988; poi la fascia 30-39 con 1.673; la fascia 20-29 con 1.081; la fascia 80-89 con 700; la fascia oltre i 90 anni con 595; ultima la fascia 70-79 con 512 vaccinati.

Questo anche il dettaglio del numero di somministrazioni per zona (in questi dati sono comprese sia le vaccinazioni ospedaliere che quelle territoriali, tra parentesi quelle agli ospiti delle residenze sanitarie assistenziali):

  • Zona Apuane:  2.017 vaccinazioni (di cui 214 per ospiti di RSA);
  • Zona Lunigiana:  636 vaccinazioni (di cui 286 per ospiti di RSA);
  • Totale Massa-Carrara: 2.653 vaccinazioni;
  • Zona Piana di Lucca: 1.975 vaccinazioni (di cui 230 per ospiti di RSA);
  • Zona Valle del Serchio: 514 vaccinazioni (di cui 156 per ospiti di RSA);
  • Zona Pisana:  336 vaccinazioni (di cui 280 per ospiti di RSA);
  • Zona Alta Val di Cecina Val d’Era: 1.249 vaccinazioni (di cui 168 per ospiti di RSA);
  • Zona Livornese: 2.195 vaccinazioni (di cui 195 per ospiti di RSA);
  • Zona Valli Etrusche: 1.004 vaccinazioni (di cui 214 per ospiti di RSA);
  • Zona Elba: 197 vaccinazioni (di cui 24 per ospiti di RSA);
  • Zona Versilia: 1.747 vaccinazioni (di cui 227 per ospiti di RSA).

«Anche nelle Rsa – fa sapere l’Asl – si sta rispettando la tabella di marcia concordata con la Regione Toscana, grazie ai 24 team vaccinali composti da medici, infermieri, Oss, assistenti sanitari, sociali e amministrativi operativi su tutto il territorio e risulta che, a ieri, sia stato vaccinato il 65% del totale dei “vaccinabili”».

Più informazioni su