LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Nevicata record a Zum Zeri e Cerreto: «La più importante dal 1981». E gli impianti aprono il 18 foto

Il ministro della Salute, Roberto Speranza ha firmato l’ordinanza con cui si differisce la riapertura: una beffa ma non tutto è perduto

LUNIGIANA – Il ministro della Salute, Roberto Speranza ha firmato l’ordinanza con cui si differisce la riapertura degli impianti sciistici al 18 gennaio 2021. Nei giorni scorsi le regioni e le province autonome avevano chiesto attraverso lettera del presidente della conferenza, Stefano Bonaccini, un rinvio della riapertura in vista di un allineamento delle linee guida al parere espresso dal Cts.

Nel frattempo a Cerreto Laghi (Reggio Emilia) e Zum Zeri (Lunigiana, Massa-Carrara) si registrano cumulate di neve come non si conoscevano da decenni. Una beffa per adesso, ma non tutta la stagione è perduta. Nel comprensorio sciistico dell’Alta Lunigiana sono stati superati i 2 metri di neve (le foto che pubblichiamo si riferiscono a quella zona). «Stando ai nostri dati – dicono i gestori – e all’archivio di Meteo Apuane, questa è la più importante nevicata dal 1981 in questa stagione: il 4 gennaio al Camposcuola 180 cm battuta, Cippo XV partenza >180 cm battuta, Fabei intermedio >180 cm battuta, Fabei arrivo >250 cm battuta e spalata».

«Continua a nevicare e sono previste altre intense precipitazioni. Lo staff è sulle piste a battere e sui tetti a eliminare gli accumuli. Ieri sono stati collaudati gli impianti alla presenza dell’ingegner Burgoni e del cs Chiocca. Il Soccorso Alpino ha effettuato l’esercitazione sulla seggiovia. Siamo pronti, il ministro ci ha dato una nuova data per aprire gli impianti… il 18 gennaio, speriamo che sia confermata perché noi siamo pronti ad accogliervi».