LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Pesta un ragazzino in un locale di Marina di Carrara, denunciato 26enne

L'episodio è accaduto la stessa sera della rissa in zona movida. La polizia ha individuato e fermato il giovane per minacce e lesioni pluriaggravate

MARINA DI CARRARA – Il Commissariato di Carrara durante il periodo festivo ha intensificato il controllo del territorio attraverso l’impiego delle Squadre Volanti e di pattuglie della Squadra di Polizia Giudiziaria, in un’ottica di sinergica attività volta alla tutela dell’ordine e della sicurezza pubblica ed in particolare al controllo dell’osservanza delle misure imposte dalla normativa anticovid.

Il 23 dicembre, durante servizi specifici anti-assembramento disposti dal Questore di Massa-Carrara, che hanno interessato tutto il territorio provinciale, le Squadre Volanti della Polizia di Stato venivano chiamate per una lite all’interno della galleria sita nella zona della cosiddetta “movida” di Marina di Carrara. Si recavano in loco pattuglie della Polizia di Stato, dei Carabinieri e della Polizia municipale, che stazionavano in loco, raccogliendo segnalazioni su quanto accaduto, mentre personale appiedato percorreva più volte via Rinchiosa con esito negativo.

Le attività investigative svolte dal Commissariato consentivano di addivenire a identificare e denunciare all’Autorità Giudiziaria i quattro giovani coinvolti nella segnalata rissa della galleria, noti all’ufficio per annoverare diversi precedenti specifici per fatti analoghi commessi nel territorio comunale; uno dei ragazzi peraltro risultava essere già destinatario di misura di prevenzione personale emessa dal Questore di Massa-Carrara.

Successivamente la Polizia di Stato veniva a conoscenza che lo stesso pomeriggio si era verificata un’aggressione ai danni di un minore, stavolta commessa da un giovane di Carrara di 26 anni, nei pressi di un locale di via Rinchiosa.

La Squadra di Polizia Giudiziaria del Commissariato, nell’arco di poche ore, interrogava tutti i testimoni e analizzava le telecamere presenti in via Rinchiosa; all’esito della rapida attività di indagine si addiveniva all’identificazione e al deferimento in stato di libertà del responsabile, carrarino di anni 26, per lesioni pluriaggravate e minacce a danno di un minore di anni 15.