LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Striscioni sulle scuole. «Trasporti, dad, quarantene e supplenti: per il governo non siamo una priorità» foto

Il coordinamento Scuola Massa-Carrara che spiega le motivazioni della protesta avvenuta stamani all'esterno degli istituti della provincia: «Non tolleriamo ulteriori ritardi»

Più informazioni su

MASSA-CARRARA – «Il coordinamento Scuola Massa-Carrara ha partecipato alla giornata nazionale del 23 dicembre in cui in tutta Italia sono stati appesi striscioni davanti alle scuole per ricordare che la scuola deve essere una priorità del governo, cosa che finora non si è verificata». Lo afferma il coordinamento scuola che spiega le motivazioni della protesta. «In particolare – affermano – gli studenti delle scuole superiori sono stati in questi mesi particolarmente penalizzati e, considerando anche la lunga interruzione dello scorso anno scolastico, di fatto hanno svolto solo poche settimane di scuola».

«Ribadiamo che la didattica a distanza – proseguono – è solo un surrogato di scuola e questa modalità, alla prova dei fatti, si è rivelata inadeguata a garantire il diritto all’istruzione. Chiediamo dunque che anche nella nostra provincia si prendano adeguate misure relativamente ai trasporti (che fine ha fatto il tavolo che ci era stato garantito già all’inizio dell’estate?), che si definisca un chiaro protocollo in caso di quarantene, che si proceda con la tempestiva chiamata dei supplenti, che le scuole si dotino di dispositivi di protezione adeguati, tutte richieste che da mesi avanziamo in tutta Italia e anche nella provincia di Massa-Carrara».

«Non tollereremo ulteriormente, come è accaduto negli ultimi mesi, che i nostri studenti possano recarsi praticamente ovunque tranne che a scuola. Si sta minando non solo il diritto all’istruzione di un’intera generazione, ma si stanno anche producendo seri danni psicologici che cominciamo ad osservare soprattutto nei nostri ragazzi più fragili. Priorità alla scuola. Ci vediamo il 7 gennaio».

Più informazioni su