Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana TENews

Arresti in Lunigiana, Varese: «La Società della Salute continua a garantire i servizi»

Il presidente della Sds, dopo l'arresto della direttrice: «Le sue funzioni sono assunte dal coordinatore sanitario della Società della Salute della Lunigiana, il dottor Amedeo Baldi». La solidarietà dell'Asl

Più informazioni su

LUNIGIANA – In merito all’inchiesta giudiziaria in corso sulla cooperativa Serinper, che vede coinvolta anche la direttrice della Società della Salute della Lunigiana, Rosanna Vallelonga (attualmente agli arresti domiciliari, qui i dettagli), il presidente Riccardo Varese interviene per esprimere, innanzitutto, la solidarietà del consorzio socio-sanitario alla direttrice: «Mi voglio fare portavoce di tutti i dipendenti, siamo vicini alla dottoressa Rosanna Vallelonga e vogliamo farglielo sapere con il massimo dell’affetto che abbiamo verso di lei come persona e della stima per il suo infaticabile lavoro di questi anni».

«La conosco come dirigente competente e scrupolosa, e, lo voglio ribadire, per fortuna con l’emergenza covid-19 che c’era lei sennò chissà come sarebbero andate le cose. Abbiamo, naturalmente, piena fiducia nell’operato della magistratura e confidiamo che possa essere acclarata la sua estraneità ai fatti che le vengono contestati».

«In attesa che Rosanna Vallelonga torni ad occupare la sua scrivania, e ci auguriamo che accada molto presto, le sue funzioni sono assunte dal coordinatore sanitario della Società della Salute della Lunigiana, il dottor Amedeo Baldi. Quindi, è doveroso informare chi usufruisce dei nostri servizi, ossia le fasce più deboli della popolazione, in particolare penso a famiglie dove ci può essere un disabile, un anziano non autosufficiente o un minore problematico, che la Società della Salute della Lunigiana va avanti – conclude Varese – e continua ad operare a beneficio di chi ne ha maggiormente bisogno».

E sull’argomento interviene anche l’Asl Toscana Nord Ovest che in una nota esprime la sua solidarietà nei confronti della Vallelonga: «La direzione della Asl Toscana nord ovest, nel ribadire la piena fiducia nell’operato della magistratura, confida che la dottoressa Rosanna Vallelonga potrà chiarire quanto prima la propria posizione rispetto ai fatti che le vengono contestati. In questi anni la direttrice della Società della Salute ha, infatti, gestito la zona con professionalità e spirito di servizio. Anche durante la pandemia ha lavorato con impegno e competenza in un territorio particolarmente colpito dal contagio».

CHI È ROSANNA VALLELONGA

Nata a Zurigo il 25 novembre 1957, Rosanna Vallelonga risiede nella frazione di Magliano di Fivizzano. Laureata in sociologia presso l’Università degli studi di Urbino, inizia la sua esperienza lavorativa all’interno dell’Usl 1 Lunigiana nel 1981 con la mansione di assistente sociale, per poi diventare responsabile dei servizi sociali territoriali nel 1996. Dal giugno 2005 al 2014, fra le altre mansioni, ricopre l’incarico di coordinatrice del servizio sociale di zona Lunigiana ed è vice direttrice della Società della Salute della Lunigiana, con il compito di programmare il Piano Integrato di Salute (PIS) e di attuare le politiche sociali. Nominata il 22 settembre 2009 dirigente sociologo, ha ricoperto dal 6 ottobre 2011 al 2014 la carica di direttrice dei servizi sociali dell’ASL n. 1 di Massa Carrara. È direttrice della Società della Salute della Lunigiana dal 22 ottobre 2014.

Più informazioni su