LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Virus, 58 nuovi positivi e 7 vittime a Massa-Carrara. Scendono i ricoveri al Noa

In Toscana i ricoverati nei posti letto dedicati ai pazienti covid oggi sono complessivamente 1.862 (6 in meno rispetto a ieri), 278 in terapia intensiva (stabili rispetto a ieri)

Più informazioni su

MASSA-CARRARA – In Toscana sono 103.441 i casi di positività al Coronavirus, 893 in più rispetto a ieri (506 identificati in corso di tracciamento e 387 da attività di screening). I nuovi casi sono lo 0,9% in più rispetto al totale del giorno precedente. I guariti crescono del 4,2% e raggiungono quota 58.774 (56,8% dei casi totali). I tamponi eseguiti hanno raggiunto quota 1.568.208, 10.383 in più rispetto a ieri, di cui l’8,6% positivo. Sono invece 3.742 i soggetti testati oggi (escludendo i tamponi di controllo), di cui il 23,9% è risultato positivo. A questi si aggiungono i 1.027 tamponi antigenici rapidi eseguiti oggi.

Gli attualmente positivi sono oggi 42.026, -3,5% rispetto a ieri. I ricoverati sono 1.862 (6 in meno rispetto a ieri), di cui 278 in terapia intensiva (stabili). Si registrano 40 nuovi decessi: 28 uomini e 12 donne con un’età media di 82,7 anni. Questi i dati – accertati alle ore 12 di oggi sulla base delle richieste della Protezione Civile Nazionale – relativi all’andamento dell’epidemia in regione.

L’età media dei 893 casi odierni è di 50 anni circa (l’11% ha meno di 20 anni, il 23% tra 20 e 39 anni, il 33% tra 40 e 59 anni, il 21% tra 60 e 79 anni, il 12% ha 80 anni o più). Si ricorda che a partire dal 24/06/2020, il Ministero della Salute ha modificato il sistema di rilevazione dei dati sulla diffusione del Covid-19. I casi positivi non sono più indicati secondo la provincia di notifica bensì in base alla provincia di residenza o domicilio.

Di seguito i casi di positività sul territorio con la variazione rispetto a ieri. Sono 29.053 i casi complessivi ad oggi a Firenze (247 in più rispetto a ieri), 9.054 a Prato (88 in più), 9.042 a Pistoia (113 in più), 6.516 a Massa (58 in più: Carrara 22, Massa 17, Montignoso 2, Aulla 4, Bagnone 1, Comano 2, Filattiera 1, Fivizzano 2, Licciana Nardi 1, Podenzana 1, Pontremoli 2, Tresana 1, Zeri 2), 10.407 a Lucca (107 in più), 14.263 a Pisa (129 in più), 7.232 a Livorno (41 in più), 9.492 ad Arezzo (68 in più), 4.196 a Siena (26 in più), 3.631 a Grosseto (16 in più). Sono 555 i casi positivi notificati in Toscana, ma residenti in altre regioni.

Sono 448 quindi i casi riscontrati oggi nell’Asl Centro (somma delle province di Firenze, Prato, Pistoia), 335 nella Nord Ovest (Massa-Carrara, Lucca, Pisa, Livorno), 110 nella Sud est (Arezzo, Siena, Grosseto). La Toscana si trova al 8° posto in Italia come numerosità di casi (comprensivi di residenti e non residenti), con circa 2.773 casi per 100.000 abitanti (media italiana circa 2.626 x100.000, dato di ieri).

Le province di notifica con il tasso più alto sono Prato con 3.513 casi x100.000 abitanti, Pisa con 3.404, Massa Carrara con 3.344, la più bassa Siena con 1.570. Complessivamente, 40.164 persone sono in isolamento a casa, poiché presentano sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere, o risultano prive di sintomi (1.512 in meno rispetto a ieri, meno 3,6%).

Sono 37.503 (661 in meno rispetto a ieri, meno 1,7%) le persone, anch’esse isolate, in sorveglianza attiva perché hanno avuto contatti con persone contagiate (Asl Centro 12.852, Nord Ovest 17.312, Sud Est 7.339). Le persone ricoverate nei posti letto dedicati ai pazienti Covid oggi sono complessivamente 1.862 (6 in meno rispetto a ieri, meno 0,3%), 278 in terapia intensiva (stabili rispetto a ieri).

Le persone complessivamente guarite sono 58.774 (2.371 in più rispetto a ieri, più 4,2%): 1.465 persone clinicamente guarite (473 in meno rispetto a ieri, meno 24,4%), divenute cioè asintomatiche dopo aver presentato manifestazioni cliniche associate all’infezione e 57.309 (2.844 in più rispetto a ieri, più 5,2%) dichiarate guarite a tutti gli effetti, le cosiddette guarigioni virali, con tampone negativo.

Oggi si registrano 40 nuovi decessi: 28 uomini e 12 donne con un’età media di 82,7 anni. Relativamente alla provincia di residenza, le persone decedute sono: 13 a Firenze, 1 a Prato, 1 a Pistoia, 7 a Massa-Carrara (uomo di 81 anni, uomo di 49 anni, uomo di 87 anni, uomo di 88 anni, uomo di 92 anni, donna di 84 anni e uomo di 79  anni), 1 a Lucca, 6 a Pisa, 2 a Livorno, 1 a Arezzo, 1 a Siena, 7 a Grosseto. Sono 2.641 i deceduti dall’inizio dell’epidemia cosi ripartiti: 964 a Firenze, 170 a Prato, 202 a Pistoia, 300 a Massa-Carrara, 256 a Lucca, 278 a Pisa, 180 a Livorno, 129 ad Arezzo, 76 a Siena, 61 a Grosseto, 25 persone sono decedute sul suolo toscano ma erano residenti fuori regione. Si ribadisce che spetterà comunque all’Istituto superiore di sanità attribuire in maniera definitiva le morti al coronavirus: potrebbe trattarsi infatti di persone che avevano già patologie concomitanti.

Il tasso grezzo di mortalità toscano (numero di deceduti/popolazione residente) per Covid-19 è di 70,8 x100.000 residenti contro il 91,0 x100.000 della media italiana (10° regione). Per quanto riguarda le province, il tasso di mortalità più alto si riscontra a Massa-Carrara (153,9 x100.000), Firenze (95,3 x100.000) e Pistoia (69,1 x100.000), il più basso a Grosseto (27,5 x100.000).

LA SITUAZIONE NEGLI OSPEDALI DELL’ASL TNO
All’ospedale di Livorno 104 i ricoverati, di cui 14 in Terapia intensiva. All’ospedale di Lucca 90 i ricoverati, di cui 18 in Terapia intensiva. All’ospedale Apuane 100 ricoverati (-5 rispetto a ieri), di cui 21 in Terapia intensiva (-1 rispetto a ieri). All’ospedale Versilia 113 ricoverati, di cui 9 in Terapia intensiva. All’ospedale di Pontedera 46 ricoverati, di cui 4 in Terapia intensiva. All’ospedale di Cecina 26 i ricoverati, di cui 4 in Terapia intensiva. All’ospedale di Pontremoli 21 i ricoverati (stabili). All’ospedale di Barga 2 i ricoverati.

Dal monitoraggio giornaliero, infine, su tutto il territorio dell’Azienda USL Toscana nord ovest, ad oggi (30 novembre) sono 17.312 (-8 rispetto ad ieri) le persone in quarantena perché hanno avuto contatti con persone contagiate.

Più informazioni su