LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Controlli sul traffico di stupefacenti ad Avenza, sorpreso 19enne con una dose di hashish in bocca

Arrestato anche un 56enne di origine sarda ricercato, su cui pendeva un ordine di cattura per l’espiazione di pena detentiva per più di due anni e il pagamento dell’ammenda per circa 4mila euro

CARRARA – Proseguono i controlli della Polizia di Stato del Commissariato di Carrara nel quadro dell’attività volta al contrasto al traffico di sostanze stupefacenti. L’attenzione degli agenti si è concentrata in particolare nel quartiere di Avenza.

Nel corso della settimana la Squadra di Polizia Giudiziaria ha predisposto mirati servizi di pattugliamento delle aree più degradate e maggiormente afflitte da fenomeni di criminalità diffusa e micro-criminalità. Nella circostanza gli investigatori hanno individuato due soggetti, addivenendo al sequestro di diverse dosi di sostanza stupefacente che all’esito del narcotest espletato dal personale della Polizia Scientifica in servizio presso il Commissariato è risultata essere cocaina.

Venerdì sera, invece, una pattuglia della Squadra Volante che transitava nella frazione di Avenza, ha sottoposto a controllo un giovane 19enne, il quale, non appena ha notato l’avvicinarsi della pattuglia, ha mostrato evidenti segni di insofferenza e agitazione. Cogliendo tale comportamento, gli operatori hanno chiesto all’interessato di svuotare le proprie tasche e oltre alla somma di 400 euro in banconote ha estratto dalla bocca un involucro bianco termosaldato contenente sostanza stupefacente del tipo hashish.

Nella stessa giornata, infine, un’altra pattuglia impegnata sul territorio, ha controllato un soggetto che stava camminando in strada sempre nello stesso quartiere al fine di verificare l’osservanza alle misure per il contenimento dal contagio da Covid-19. Tuttavia all’esito del controllo dei documenti forniti dal soggetto è risultato essere un cinquantasettenne di origine sarda, ricercato per la commissione di diversi delitti sul territorio nazionale e su cui pendeva un ordine di cattura per l’espiazione di pena detentiva per più di due anni e il pagamento dell’ammenda per circa 4000,00 euro. Immediatamente gli agenti della Polizia di Stato hanno proceduto a trarre in arresto la persona, che all’esito delle attività di verifica sulla sua identità è stato poi tradotta presso la Casa di Reclusione di Massa, dove dovrà scontare la pena comminata dall’Autorità Giudiziaria.