LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Bellugi, deturpata (ancora) la stele ai Quercioli. Persiani: le telecamere hanno ripreso tutto

Il sindaco di Massa: «Lastra imbrattata volgarmente. Gesto frutto di ignoranza e viltà»

MASSA – È stata deturpata – ancora una volta – nella notte la stele con incisa la poesia “Primavera de Massa” di Ubaldo Bellugi. Un anno e mezzo fa il monolite che si trova al parco dei Quercioli era stato al centro delle polemiche dopo la decisione dell’amministrazione massese di installare un’opera che ricordava Bellugi, poeta ma anche podestà fascista del capoluogo apuano.  (In calce a questo articolo riportiamo tutti gli articoli di quei giorni).

Dopo l’inaugurazione, più volte, la stele ha subìto gli attacchi di ignoti. E così è accaduto nuovamente qualche sera fa (foto). Sull’argomento è intervenuto il sindaco di Massa, Francesco Persiani: «Ignoti qualche sera fa hanno imbrattato volgarmente la lastra di marmo su cui è incisa la poesia di Bellugi al Parco dei Quercioli. Non mi soffermo sulla inciviltà del gesto, frutto di ignoranza e viltà, ma forse presto grazie alle telecamere di sorveglianza presenti, l’autore o gli autori non saranno più così ignoti».