Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana

Saracinesche abbassate e strade deserte: è di nuovo lockdown nella provincia apuana foto

La Toscana entra in zona rossa e, dopo bar e ristoranti, arriva il momento anche per i negozi di spegnere le luci

MARINA DI CARRARA – Sembra un deja vù, invece è una storia vera, che dopo mesi si ripete. Carrara riavvolge il nastro e torna allo scorso 12 marzo, giorno in cui tutta Italia abbassava le saracinesche di bar e negozi e si chiudeva in casa lasciando le strade semi deserte, perché il lockdown era rimasta l’unica via per fermare la prima devastante ondata di Coronavirus. Questa volta la chiusura totale non riguarda tutti, ma soltanto alcune regioni, quelle giudicate più a rischio sulle base dei parametri epidemiologici. Tra queste, da oggi, è rientrata anche la Toscana. E così, dopo bar e ristoranti, è arrivato il momento anche per i negozi di spegnere le luci, fatta eccezione per alcune categorie autorizzate che lasciano le porte aperte ai pochi passanti che escono a prendere una boccata d’aria, nei dintorni di casa.

Sì, è una scena già vista. Una routine messa in stand-by fino a data indefinita. Perché se c’è una cosa che gli italiani hanno imparato da questa pandemia è che le cose possono cambiare da un giorno all’altro, con la stessa rapidità con una regione “gialla” diventa in pochi giorni prima “arancione” e poi “rossa”. E nel frattempo, la vita si ferma di nuovo, in una battaglia in cui l’arma più potente resta nascondersi, e aspettare  che il nemico si stanchi.