Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana

Tenta di ingoiare cocaina per evitare l’arresto, poi scattano le manette

L'operazione è stata portata a termine dalla polizia del Commissariato di Carrara. Gli agenti si erano insospettiti dopo aver visto, di notte, le luci accese di un capannone industriale

Nelle ultime settimane, considerata l’opportunità di implementare il controllo del territorio, il Commissariato di Pubblica sicurezza di Carrara, in stretta sinergia operativa con specialistiche pattuglie del Reparto Prevenzione Crimine “Toscana” di Firenze, ha disposto ed effettuato capillari servizi straordinari, preordinati ad incrementare un’efficace azione di prevenzione e contrasto di fenomenologie delittuose attinenti a reati predatori, furti in abitazione, traffico di sostanze stupefacenti e qualunque altra forma di delittuosità “di strada”, garantendo la incisiva e reale percezione di sicurezza della collettività.

La specifica attività operativa ha comportato l’impiego di oltre 150 pattuglie automontate, impiegate in servizio continuativo di osservazione, perlustrazione e controllo dinamico di persone e autovetture in transito, unitamente a pattuglie appiedate in esercizio di funzioni di polizia di prossimità nelle principali vie dello shopping cittadino.

L’articolato, capillare dispositivo di controllo del territorio così delineato ha reso possibili, oltre all’identificazione di un elevatissimo numero di individui e veicoli, ragguardevoli e confortanti risultati repressivi, in specie nel contrasto al fenomeno del crescente e preoccupante consumo di sostanze stupefacenti, che notoriamente investe trasversalmente più settori della società.

In tale propositiva ottica, il Commissariato di polizia ha proceduto all’arresto di un individuo, cittadino del Regno del Marocco con svariati precedenti penali specifici, per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente del tipo “cocaina”: gli operatori di Volante, insospettiti dalle luci accese di un capannone industriale in orario notturno, vi si affacciavano scorgendo due soggetti.

Alla vista delle uniformi, uno si dava a precipitosa fuga; l’altro, con mossa repentina, tentava d’ingerire due involucri contenenti altrettante dosi della predetta sostanza: tentativo neutralizzato dagli agenti i quali, una volta eseguita la perquisizione personale sullo stesso, rinvenivano ulteriori dosi unitamente a bilancino elettronico di precisione ed a materiale per il confezionamento e, pertanto, ponevano in stato di arresto lo straniero. L’udienza di convalida dell’arresto ha avuto esito confermativo di corretta esecuzione restrittiva ed ha portato all’irrogazione della misura coercitiva custodiale degli arresti domiciliari.

(foto: repertorio)