Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana

Frana sulla martoriata strada delle Lame: crolla un muro. Da lunedì i lavori

Sopralluogo del sindaco Valettini e del deputato Ferri. Il primo cittadino durissimo: «Problema sottovalutato da Anas, sono veramente risentito»

Più informazioni su

Le forti piogge della notte hanno prodotto un’altra ferita sulla già martoriata strada statale 62 delle Lame ad Aulla. Nel punto che già era stato parzialmente interdetto al traffico perché pericolante, si è verificata una frana che ha portato a valle anche il muretto che sorgeva lì per delimitare la carreggiata. La brutta sorpresa questa mattina quando, alle prime segnalazioni, polizia municipale e i tecnici comunali si sono recati sul posto per i rilievi. L’amministrazione comunale ha avvertito urgentemente Anas che ha inviato sul luogo i suoi tecnici da Firenze.

Nel corso della mattina hanno effettuato un sopralluogo anche il sindaco Roberto Valettini accompagnato dal suo vice Roberto Cipriani e dall’assessore Marco Mariotti. Insieme a loro anche il deputato di Italia Viva Cosimo Ferri. L’episodio, sembrerebbe, che qualcosa abbia fatto muovere a livello burocratico: il tratto di strada sarà monitorato h24 dall’Anas fino a lunedì, quando partiranno i lavori di somma urgenza.

Duro il commento del primo cittadino: «Finalmente all’Anas hanno compreso che si deve intervenire con la somma urgenza per mettere in sicurezza questa strada. Lunedì inizieranno le operazioni di somma urgenza che ho chiesto con fermezza e che avevo già richiesto. Visto quanto accaduto però devo dire, e me ne assumo la responsabilità, che il problema era stato sottovalutato. Sono veramente risentito per questa situazione».

Sulla stessa linea il parlamentare lunigianese: «È tanto tempo che stiamo segnalando ad Anas questa criticità. Vogliamo delle risposte e questa battaglia proseguirà anche in Parlamento. Ci hanno assicurato che lunedì partiranno i lavori di somma urgenza, ma noi vogliamo che venga portato a compimento il progetto generale». Un progetto generale che si è bloccato negli ultimi tempi per la rinuncia del geologo che aveva vinto la gara per effettuare i rilievi. Quest’ultimo, infatti, è un passaggio necessario per avviare la messa in sicurezza generale. «Con il nuovi rilievi si potrà dare avvio all’intervento completo che dovrà garantire sicurezza ed evitare i disagi per i molti che ogni giorno percorrono questa strada. Continueremo a monitorare» ha assicurato Ferri.

Più informazioni su