Quantcast
LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Scabbia in un asilo di Carrara: scatta la sanificazione

È successo mercoledì in una struttura del territorio comunale, dove è stato riscontrato un caso. Locali igienizzati

Più informazioni su

Un caso di scabbia in un asilo di Carrara. È stato riscontrato ieri, mercoledì, in una struttura scolastica del territorio comunale frequentata, tra gli altri, anche da un bambino che ha contratto l’infezione della pelle che può essere contagiosa in caso di contatto fisico diretto. Le misure di prevenzione e sanificazione sono scattate immediatamente: la dirigente scolastica, dopo aver segnalato il problema alle autorità, ha richiesto che venissero effettuate le operazioni di igienizzazione dei locali che sono avvenute puntualmente nella giornata di mercoledì.

Fortunatamente il caso di scabbia è stato soltanto uno e al momento non si segnalano altri problemi legati all’infezione che crea fastidiosi pruriti della pelle. La scabbia, infatti, è un’infezione cutanea causata dall’acaro sarcoptes scabiae, un parassita che si introduce sotto pelle e lì si moltiplica scavando piccole tane. La scabbia può colpire chiunque indipendentemente dall’età, dal livello sociale e dalle condizioni igieniche e la sua gravità è legata allo stato immunitario del paziente.

Quella di Carrara è la terza scuola nella provincia apuana in cui sono stati riscontrati dei focolai di scabbia nell’ultima settimana. Mercoledì scorso erano stati segnalati dei casi negli istituti superiori Meucci e Salvetti di Massa. Già allora l’Asl era intervenuta per chiarire che «l’acaro non è nelle pareti degli edifici, o delle palestre, ma è addosso alle persone e si trasmette con il contatto fisico, dormendo nelle stesse lenzuola. È la scuola che comunica alla Asl territoriale che un alunno, o un frequentatore dell’istituto ha contratto la scabbia e la Asl invia alla scuola una notifica con un protocollo di igiene personale da seguire».

Più informazioni su