Quantcast
LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Velisti dispersi, «svolta nel mistero» annuncia la famiglia Revello

Due testimonianze inserite nel dossier consegnato alla Procura di Roma farebbero luce sull'accaduto. Tutti i dettagli saranno illustrati martedì

Dopo una lunga estate di silenzio e angoscia la famiglia di Aldo Revello, il velista di Castelnuovo Magra (Sp) disperso dal 2 maggio scorso nell’Atlantico con Antonio Voinea, annuncia una svolta nella misteriosa scomparsa dei due e della loro imbarcazione “Bright”.

“A 190 giorni dal naufragio – si legge in una breve nota diffusa dalla moglie Rosa Cilano – i racconti di alcuni testimoni ricostruiranno gli avvenimenti e indicheranno responsabilità. Testimonianze – prosegue – che sono confluite nel dossier di denuncia presentato per la famiglia alla Procura della Repubblica di Roma dall’avvocato Riccardo Egidi”. Importanti novità che saranno svelate martedì mattina nel corso di una conferenza stampa nella quale dunque si conoscerà di più sulla sorte dei velisti, le cui ricerche erano state sospese dopo una decina di giorni e per la quale è stata aperta un’inchiesta.

Gli esperti marinai Revello e Voinea erano partiti dalla Martinica e stavano navigando verso la Spezia quando la loro imbarcazione era sparita nel nulla fra le isole Azzorre e Gibilterra, in mare aperto. L’ultimo contatto con le famiglie lo avevano avuto poco dopo la Mezzanotte del Primo Maggio, poi il giorno successivo alle 13.48 le centrali operative avevano ricevuto l’allarme dell’Epirb (trasmettitore radio indicante la posizione d’emergenza). Dopodiché il silenzio assoluto e l’inizio delle ricerche, con i famigliari che avevano da subito rivolto appelli a tutti i livelli, in primis alle autorità locali, affinché le ricerche fossero portate avanti fino al ritrovamento della zattera di salvataggio.