LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

«È stato il migliore». Sabato i funerali di Beppe Giannetti

Cordoglio a Carrara e a San Donà di Piave per la morte del grande allenatore di pallavolo

Più informazioni su

Si svolgeranno sabato pomeriggio alle 16 nella chiesa Mussetta di a San Donà di Piave i funerali di Giuseppe Giannetti, il grande allenatore di pallavolo, che si è spento ieri per una grave malattia nella città veneta dove viveva da alcuni anni. La notizia della prematura morte di Giuseppe Giannetti, o “Beppe”, come lo chiamavano le sue giocatrici ha suscitato grande dolore nella sua città natale, Carrara, e nel mondo del volley italiano. Moltissimi i messaggi di cordoglio ricevuti dalla famiglia di Giannetti: i figli Elisa e Andrea e l’ex-moglie Bianca.

Per coloro che in terra apuana vorranno comunque dare un ultimo saluto a Giuseppe Giannetti, a Carrara la prossima settimana sarà organizzato un evento per ricordare il tecnico passato alla storia per aver portato la Pallavolo Carrarese femminile dalla serie C1 all’A1 in pochi anni e aver scoperto giocatrici di livello internazionale, tutte apuane, come Maurizia Cacciatori, Francesca Piccinini e Daniela Volpi.

«E’ stato il migliore – ha scritto in una nota la Volley Pool Piave – Uno di quegli allenatori che la pallavolo la insegnava. Di quelli che sapeva trarre il massimo da ogni giocatrice. Magari con metodi che potevano sembrare duri, ma che dietro nascondevano tutto il bene che voleva alle atlete ed a questo sport. Per questo non c’è una sola persona che non serbi un grande ricordo di lui, che non abbia almeno un motivo per dirgli “grazie”. Per questo “Beppe” è stato il migliore.
Giuseppe Giannetti non c’è più. Una grave malattia lo ha portato via per sempre nella notte. Aveva 63 anni, 22 dei quali trascorsi al Volley Pool Piave. Se oggi la società sandonatese è diventata una delle più forti in Italia nel settore giovanile, se molte giocatrici hanno potuto spiccare il volo nella pallavolo, se il movimento è cresciuto, è grazie a lui».

Più informazioni su