Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana

Morte al porto: il cordoglio dell’Autorità di Sistema Portuale foto

Le reazioni delle istituzioni. La Regione Toscana: «Inaccettabile morire di lavoro»

Più informazioni su

Sono state molte le reazioni arrivate in seguito all’ennesimo incidente sul lavoro che ancora una volta ha insanguinato Carrara. Questa volta è successo al porto di Marina, la vittima è un operaio 41enne, Alessandro Lorenzani è il suo nome. Riportiamo di seguito tutte le reazioni dalle istituzioni.

AUTORITÀ DI SISTEMA PORTUALE DEL MAR LIGURE ORIENTALE
L’Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Orientale con la Presidente, il Segretario Generale, i dirigenti ed il personale tutto sono vicini alla famiglia dello sventurato operaio morto oggi, ai colleghi ed alla Società Porto di Carrara. Subito dopo l’accaduto, il personale della AdsP nelle persone dei dirigenti Luigi Bosi e Luca Perfetti e dei funzionari Ivano Melito, Domenico Ciavarella, Federico Filesi e Gianni Passeggia, unitamente al segretario generale Francesco Di Sarcina sono accorsi sui luoghi constatando i fatti e la dinamica del triste incidente e prestando subito la massima collaborazione con gli organi inquirenti presenti. “In questi momenti di dolore non occorre altro che rispettare il silenzio di chi soffre e adoperarsi affinché al più presto venga fatta totale chiarezza sulla dinamica dei fatti” ha dichiarato Francesco Di Sarcina.

REGIONE TOSCANA
“E’ successo di nuovo. E la Toscana torna a piangere un’altra vittima del lavoro. Alla famiglia dell’operaio morto oggi al porto di Marina di Carrara esprimo le mie condoglianze e quelle dell’intera Regione Toscana”. Così Stefania Saccardi, assessore al diritto alla salute, manifesta il proprio cordoglio e si stringe intorno ai familiari dell’operaio caduto mentre lavorava sul molo del porto carrarino. Saccardi sottolinea come purtroppo la lista degli infortuni mortali si allunghi ancora, ricordando che appena un mese fa ha partecipato, sempre a Marina di Carrara, al funerale di Luca Savio, l’operaio di 37 anni che ha perso la vita in un deposito di marmi a Marina di Carrara. “Ogni volta, con più sdegno e più dolore – dice Saccardi – torniamo a dire che è inaccettabile morire di lavoro, sul lavoro. Per questo la sicurezza nei luoghi di lavoro è una priorità assoluta per il presidente Enrico Rossi e la giunta toscana. E continueremo a lavorare e investire affinché simili episodi non si verifichino più”.

Più informazioni su