LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana TENews

Carrara, così un’azienda agricola ha distrutto un bosco

Avrebbe dovuto praticare un "taglio selettivo" degli alberi. Invece è andata diversamente

Più informazioni su

Controllando i boschi delle colline intorno a Carrara, i Carabinieri Forestali della Stazione di Massa hanno individuato un intervento che ha gravemente danneggiato un bosco. Un’azienda agricola che produce vino e possiede ampie porzioni di bosco ha richiesto agli Enti competenti i finanziamenti e l’autorizzazione per migliorare le condizioni del bosco tramite un taglio selettivo degli alberi, lasciando i migliori esemplari per favorirne lo sviluppo. Sulla carta quindi l’intento era positivo e condivisibile.
Quando gli agenti hanno visionato i lavori si sono trovati però in uno scenario assai diverso. Infatti gli esecutori, una ditta boschiva incaricata dall’azienda, non si erano limitati a tagliare alcune piante ma avevano letteralmente “arato” il bosco, eliminando tutti gli arbusti, estirpandone le ceppaie anche di molti alberi e sicuramente danneggiando le radici degli alberi lasciati in piedi, il cui futuro è così incerto.
Per questo, dopo aver svolto tutte le indagini del caso per accertare i committenti e gli esecutori del lavoro ed aver acquisito da Regione ed Unione dei Comuni tutte le informazioni necessarie circa le pratiche presentate, hanno proceduto al più presto a sequestrare l’area ed a denunciare i responsabili all’Autorità Giudiziaria.
Il sequestro è stato effettuato perché si è accertato che i lavori, eseguiti fino a quel momento su circa 3.000 metri quadrati, si sarebbero estesi ad oltre un ettaro di bosco ed era quindi necessario evitare ulteriori danni al bosco.
La Procura della Repubblica ha subito convalidato il sequestro d’iniziativa; si procederà ora anche a livello amministrativo a contestare le violazioni alle norme forestali chiedendo anche interventi per mitigare i danni inferti al bosco e per quanto possibile ripristinare la situazione precedente.

Più informazioni su