LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

"Ecco perché la scuola infermieri non andrà all’ex-ospedale"

Paolo Biagini del comitato di Primo soccorso di Carrara conferma la veridicità della notizia del trasferimento ad Avenza e spiega i motivi dell'inadeguatezza dell'ex-nosocomio

Più informazioni su

Dopo il nostro articolo sulla concreta possibilità che la scuola infermieri dell’Asl di Massa venga trasferita al distretto sanitario di Avenza e non all’ex-ospedale di Carrara, interviene Paolo Biagini, presidente del Comitato di Primo soccorso. Biagini conferma la veridicità della notizia e evidenzia come il trasferimento negli spazi della ex-scuola media Da Vinci non sia previsto dal Pal, il piano attuativo locale sulla sanità.

“La scuola infermieri che secondo il Pal avrebbe dovuto venire in a Carrara nel padiglione H – ci ha detto Biagini – non troverà posto in quello che resta dell’ex-ospedale di Carrara. Anche durante le sedute della commissione consiliare sanità del Comune è più volte emersa l’impossibilità di allestire la scuola infermieri a Monterosso sia per problemi strutturali dell’edificio individuato sia per inadeguatezza dei locali ad ospitare aule scolastiche secondo le disposizioni vigenti”.

“Lo stesso problema — ha proseguito — si ritrova nell’ipotesi di trasferire la scuola infermieri, ancora in affitto nella Casa Ascoli, nei piani sesto e settimo del monoblocco lasciati del tutto vuoti e adibiti a magazzino deposito per letti vecchi, sedie, scrivanie e altro materiale inutilizzato. L’eventuale possibile soluzione sarebbe quella di usufruire della ex-scuola Da Vinci di Avenza che sembrerebbe in regola con le normative che però è di proprietà del Comune di Carrara”.

Secondo Biagini, questa situazione, farà slittare ancora di alcuni anni l’agognato trasferimento. “Insomma – ha sottolineato in conclusione – un grande ginepraio di norme, regolamenti e tanta burocrazia che farà ulteriormente slittare di anni la decisione sul destino della scuola infermieri che nel frattempo resta ancora a Massa”.

Più informazioni su