LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana TENews

Movida e abuso di alcol, il 76% dei giovani apuani positivo al test

Continuano le “Notti di Qualità”, tanti i giovani che si rivolgono agli stand del Serd. Varese: «Dobbiamo continuare a proporre modalità di divertimento alternative e lavorare per ridurre i rischi»

MASSA – La manifestazione “Notti di qualità”, con la sua uscita ad Aulla, è arrivata al giro di boa. «Con l’evento che si è svolto ad Aulla, nell’ambito del ‘Pallaron festival’, siamo arrivati a metà del nostro percorso». Maurizio Varese, responsabile dell’area delle dipendenze dell’Asl Toscana nord ovest, oltre a fare il consuntivo annuncia le date dei prossimi appuntamenti.

«In questi due mesi siamo stati a Pontremoli alla discoteca Country Club e a Montignoso al Beach Club Versilia, recentemente ci siamo recati a Marina di Massa e ad Aulla. Il 27 agosto saremo a Marina di Carrara in piazza Ingolstadt, il 10 settembre alla festa della birra, sempre a Marina di Carrara, mentre il 17 settembre torneremo al Beach Club Versilia. L’autunno ci vedrà, l’8 di ottobre al locale Essenza di Marina di Massa e il 5 novembre a Massa in piazza Mercurio».

I numeri registrati nei primi quattro eventi sono significativi. Le persone contattate sono state 396 (280 maschi 70%, 116 femmine 30%), sono stati effettuati 291 etilometri di cui ben 223 (76,6%) risultati positivi, 113 le consulenze brevi a ragazzi e ragazze e sono stati 375 coloro che hanno chiesto informazioni sul servizio (57% dei ragazzi ha 25 anni, il 21% va dai 25 ai 30 anni e gli over 30 sono il 13%, infine i minorenni sono stati il 10%).

«Al termine del tour – ricorda Varese – convocheremo una riunione che si terrà all’Osservatorio provinciale,  che ha sede nella Prefettura di Massa,  alla quale parteciperanno gli enti locali, le associazioni che sono state interessate dagli eventi e i gestori dei locali. Sarà l’occasione per analizzare i dati e per programmare gli interventi futuri. Secondo me dobbiamo continuare a proporre ai giovani modalità di divertimento alternative e lavorare per ridurre i rischi legati all’uso/abuso di alcol attraverso specifiche misure».