LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana TENews

Classi pollaio al Montessori-Repetti? Arrighi: «Proviamo a evitarle ma la ‘coperta’ è corta» foto

La sindaca di Carrara e l'assessore Dazzi: «Se l’organico covid dovesse essere concesso anche per l’anno 2022-23, pur a fronte del taglio di 11 posti in provincia di Massa-Carrara rispetto all’organico ‘21-‘22, si potrebbe aprire un margine di intervento»

CARRARA – Sulla base della richiesta, mossa negli scorsi giorni agli organi di competenza dal comitato genitori dell’Istituto Montessori-Repetti di Carrara, di non procedere all’accorpamento delle due classi terze del liceo linguistico e delle due classi seconde ginnasiali del liceo classico, previsto per l’anno scolastico 2022-23, l’amministrazione comunale, nelle figure della sindaca Serena Arrighi e dell’assessora alla cultura e pubblica istruzione Gea Dazzi, «ben consapevole della bontà delle ragioni che hanno mosso i genitori, verificata la situazione attuale presso il Provveditorato di competenza, si riserva di monitorare tutti i possibili margini che si possano aprire per poter rispondere positivamente a tale richiesta» riporta una nota di Palazzo civico.

«Resta tuttavia da precisare – prosegue – che non si tratta di mancanza di volontà da parte del Provveditorato di zona a intervenire per trovare una soluzione, ma di oggettiva impossibilità allo stato attuale delle cose. Se l’organico covid dovesse essere concesso anche per l’anno 2022-23, pur a fronte del taglio di 11 posti in provincia di Massa-Carrara rispetto all’organico ‘21-‘22, si potrebbe aprire un margine di intervento e provare a risolvere il disagio, di certo non poco incisivo, che gli alunni interessati dalla manovra di accorpamento andrebbero a subire. La coperta in seno agli investimenti sul fronte scuola resta comunque corta».