LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana TENews

L’appello di ‘Super D’: «Cerchiamo volontari e sponsor per continuare ad aiutare chi ha bisogno di noi»

Daniele Ricci e i suoi aiutanti, tra cui un immigrato africano, si preparano a una nuova raccolta fondi per la mensa dei poveri Caritas e Centro antiviolenza “Donna chiama donna”

Più informazioni su

MASSA – «AAA cercasi volontari e sostenitori per una nuova iniziativa di raccolta fondi». A rivolgere un appello a tutti coloro che «vogliono dare un contributo alla giornata a scopo benefico, in programma venerdì 29 luglio dalle ore 9 alle 20 al centro commerciale Mare Monti», che include anche l’ipermercato Carrefour di Massa, sono Daniele Ricci, alias ‘Super D’ e Nicola Ricci. Insieme alla coppia di amici impegnata da tempo nell’ambito del volontariato, ci saranno anche Marusca Edera, instancabile volontaria che coordina gli appuntamenti organizzando iniziative e incontri di vario genere e Stanley Onyegbule, immigrato africano originario dell’ex repubblica del Biafra.

«Fino ad oggi grazie anche alla collaborazione di numerosi volontari, siamo riusciti a raccogliere quasi cinque tonnellate tra generi alimentari e di prima necessità, e appunto per questo – è l’impegno di Super D, disabile in carrozzina a cui è stato dedicato anche un fumetto – vogliamo continuare la nostra missione per sensibilizzare i cittadini a correre in aiuto di chi ha bisogno». Nonostante la crisi economica seguita alla pandemia «la generosità degli apuani non è diminuita – spiega Nicola Ricci, insegnante dell’istituto d’istruzione superiore E. Barsanti di Massa – tanti infatti coloro che hanno dimostrato di possedere un gran cuore e che hanno contribuito alle nostre iniziative di raccolta fondi. Una solidarietà quella manifestata, che ci auguriamo venga replicata anche in questa nuova occasione».

Il ricavato della raccolta verrà devoluto alla cosiddetta «mensa dei poveri» del centro sociale diocesano Caritas di via Ferdinando Martini, nel quartiere massese della Cervara, diretta da don Giuseppe Cipollini parroco della chiesa della Madonna pellegrina, mentre una parte andrà a beneficio del Centro italiano femminile “donna chiama donna”, la nuova struttura antiviolenza di via Carriona a Carrara. «Significativa è la partecipazione del nostro amico volontario Onyegbule, la cui esperienza di vita – ricordano i promotori – testimonia le enormi difficoltà patite da chi non può fare a meno del sostegno morale e dell’aiuto concreto del prossimo». È lo stesso nigeriano ora a raccontarsi dicendo: «Partecipo volentieri alle iniziative di volontariato per il bene comune – rivela orgoglioso Onyegbule – provenendo da una terra che  in passato ha subito sia la fame e la sete, che un brutale genocidio, so bene che cosa significhi non avere da mangiare e temere per la propria vita. Una volta sposato, finito a Tripoli in Libia, sono stato costretto ad imbarcarmi su un gommone per non essere ucciso. Giunto in Italia mi sono diplomato e ho proseguito a formarmi partecipando a dei corsi di specializzazione, che mi hanno permesso di essere assunto dal gruppo Matec. Mi auguro che questa mia esperienza di vita – è l’auspicio del giovane africano – sproni  le persone che sono nelle condizioni di aiutare il prossimo, a farlo senza esitazione, e vorrei anche essere di esempio a chi sta peggio perché non si arrenda di fronte alle difficoltà della vita».

Oltre a ringraziare Matteo Goich e Massimo Bertolucci di Matec industries, Daniele e Nicola Ricci rivolgono un appello affinché «chiunque voglia mettere a disposizione la sua energia, sia in veste di volontario che di sostenitore tramite la propria attività commerciale o aziendale, non esiti a contattarci per fare del 29 luglio un’altra indimenticabile giornata di solidarietà, sia in termini di partecipazione che di risultati». Gli interessati possono contattate Daniele ‘Super D’ e Nicola Ricci, ai numeri telefonici 328 653 6074 o 328 307 3683

Più informazioni su