LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana TENews

Una pergamena e un segnalibro coi simboli di Pontremoli per gli alunni più giovani

PONTREMOLI – E’ suonata per l’ultima volta, almeno per questo anno scolastico la campanella che segna la fine di lezioni e verifiche. E a Pontremoli, oltre ai festeggiamenti di rito, tra la felicità e il sollievo del termine dell’impegno dietro ai banchi di scuola, non è mancato un momento di saluto tra gli studenti e l’Amministrazione, che ha voluto essere presente nella persona dell’assessore all’istruzione e alle Politiche Scolastiche e Educative Annalisa Clerici.

Un modo per salutare e fare un in bocca al lupo a tutti gli studenti che hanno terminato un ciclo scolastico e che si appropinquano ad iniziarne uno nuovo con entusiasmo e anche un po’ di timore.  Per questo, grazie al contributo di Pro Loco Pontremoli, sono stati consegnati agli alunni delle classi  quinte della scuola primaria “I.C. Tifoni e a quelli delle terze della scuola secondaria di primo  grado “I.C. Ferrari”, una pergamena in segno di riconoscimento e metafora di portafortuna, e un  segnalibro realizzato dalla Legatoria Artigiana con i simboli della città.

Nella mattinata di venerdì 10 giugno infatti, l’assessore si è recata in via IV Novembre e poi in via Martiri della Libertà, dove ha incontrato gli studenti salutandoli, uno ad uno, e dando in dono il piccolo ricordo pensato per loro.

«Ringrazio innanzitutto la Pro Loco Pontremoli per aver permesso l’acquisto dei segnalibro donati ai ragazzi – ha spiegato Annalisa Clerici -. Si tratta di un pensiero simbolico che evoca la lettura, ancora più importante per noi che siamo Città del Libro, un modo per salutare gli studenti e far loro  un caloroso in bocca al lupo per tutto quello che avverrà dopo. Lasciare il porto sicuro della propria  scuola per approdare in un nuovo istituto, con nuovi insegnanti e nuove responsabilità è sempre un  bel “salto”. Un grazie anche alle Dirigenti scolastiche e ai docenti per avermi dato quest’emozionante occasione d’incontro personale con i ragazzi, che hanno accolto questo in bocca al lupo con grande entusiasmo, nella speranza che questo saluto possa divenire una tradizione
consolidata nel corso degli anni».