Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana TENews

Le congratulazioni di Anpi al nuovo segretario della Cgil: «Lo aspetta un lavoro difficile»

MASSA-CARRARA – L’Anpi provinciale esprime le sue congratulazioni al nuovo segretario generale della Cgil di Massa-Carrara, Nicola Del Vecchio e gli augura buon lavoro. «Lo attende un lavoro duro e difficile, perché il mondo del lavoro, mai come oggi, si trova a dover affrontare una crisi spaventosa, determinata dalla congiuntura internazionale, dalla epidemia di Covid e, oggi anche, dalla guerra in Ucraina, come tutte le guerre, già grava e graverà ancora di più sul lavoro e la qualità della vita dei lavoratori, delle classi subalterne, dei fragili e delle marginalità. Non sarà possibile una gestione ordinaria e tradizionale del sindacato. – scrive l’Anpi – Lo sconvolgimento dei rapporti economico-produttivi e finanziari degli ultimi 15 anni, l’affermazione e diffusione a livello Europeo di nuove forme di nazionalismi fascistoidi e razzisti, la crisi della democrazia statunitense e delle democrazie in genere, lo sviluppo impetuoso di Cina, Brasile, India, Sudafrica, la crescita della fame, dell’emigrazione dal sud del mondo, e del sottosviluppo e dei regimi dittatoriali in Africa e in molte altre parti del Mondo rendono indispensabile pensare che tutte queste situazioni difficili a livello mondiale non possono essere affrontate con qualche aggiustamento diplomatico o bancario, ma solo a livello globale, non solo geografico, ma soprattutto economico, sociale e politico».

«Occorre una visione nuova del mondo e dei rapporti umani. Occorre ormai un salto di civiltà che sviluppi modi nuovi di vivere, di solidarietà, di produzione, di lavoro, di proprietà e di consumo. Ovvio che questo non è possibile a livello locale, ma è quanto dobbiamo iniziare a chiedere, a progettare. In questo senso ci appare utile, come iniziativa di lotta, la partecipazione di massa alla manifestazione nazionale di Roma, sabato 18 giugno in nome della pace, del lavoro, della giustizia sociale», conclude Anpi.