Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana TENews

Autobus più accessibili ai non vedenti, intesa tra Autolinee Toscane e Uici

La sinergia è destinata ad estendersi anche ad altre forme di collaborazione che prevedono scambi di esperienze in merito alla formazione e sensibilizzazione degli autisti

MASSA-CARRARA – Al via una sinergia operativa tra Autolinee Toscane e Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti (Uici) della Toscana per garantire scambi formativi e supporto operativo, a favore degli utenti non vedenti del Tpl, così da rendere sempre più accessibile il mezzo pubblico sul territorio regionale.

Grazie all’intesa raggiunta con la delegazione regionale di Uici presieduta da Massimo Diodati, Autolinee Toscane garantirà supporto operativo ai volontari di Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti presenti nelle varie sedi territoriali (sono 11 i distaccamenti provinciali tra cui Arezzo, Firenze, Grosseto, Siena, Lucca, Massa-Carrara, Montecatini, Pisa, Pistoia e Prato) attraverso la distribuzione di linee guida e svolgimento di attività di formazione dedicata alle procedure di registrazione del profilo utente sul sito at-bus.it nonché per effettuare la richiesta di agevolazione tariffaria, prevista dalla legge regionale n. 100/1998.

Il primo appuntamento formativo tra la struttura dedicata di Autolinee Toscane e i referenti di Uici è in programma nella mattinata di oggi, venerdì 13 maggio. Il primo focus sarà dedicato alla registrazione degli utenti sul sito at-bus.it e alle modalità di acquisto di titoli di viaggio. nfatti, al termine del breve percorso di affiancamento, i volontari di Uici presso le proprie sedi sul territorio, potranno assistere gli associati nei passaggi da compiere online e agevolare il completamento dell’iter di registrazione, che è necessario effettuare direttamente online, senza quindi doversi necessariamente recare in una delle biglietterie di Autolinee Toscane presenti sul territorio.

Inoltre, la sinergia è destinata ad estendersi anche ad altre forme di collaborazione che prevedono scambi di esperienze in merito alla formazione e sensibilizzazione degli autisti chiamati a gestire l’interazione con un passeggero non vedente e, inoltre, la possibilità di sperimentare nuove tecnologie a beneficio dell’utenza non vedente.