Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana TENews

Pnrr, dal 16 maggio un sito dedicato per tutti gli investimenti che saranno avviati in Toscana

Il presidente fa il punto a tutto tondo sul Piano: «Più che grandi infrastrutture e opere pubbliche deve avere la capacità ‘polverizzata’ di dare risposte dal più piccolo comune al comune medio fino, naturalmente, a quelli più grandi»

TOSCANA – Un bilancio generale delle risorse impegnate dal Pnrr a oggi in Toscana – circa 4 miliardi – e la presentazione del sito dedicato all’attuazione del Piano nazionale di ripresa e resilienza che monitorerà i singoli progetti sul territorio grazie all’aggiornamento, in automatico e manuale, da parte degli uffici regionali. Il sito (www.pnrr.toscana.it) sarà attivo da lunedì 16 maggio. “Ogni cittadino e ogni operatore, soprattutto della stampa, potranno conoscere giorno giorno lo stato dell’arte dei progetti legati all’uso delle risorse”, spiega Eugenio Giani.

Il presidente fa il punto a tutto tondo sul Piano che, dice, “Più che grandi infrastrutture e opere pubbliche deve avere la capacità ‘polverizzata’ di dare risposte dal più piccolo comune al comune medio fino, naturalmente, a quelli più grandi. Un Piano  molto distribuito che, se vogliamo, risponde alla logica della Toscana diffusa superando quella della Toscana a due o tre velocità”.

Focus dunque sui progetti assegnati attraverso bando o in forza di rapporti diretti, di cui sono destinatarie istituzioni pubbliche e private e anche imprese (30mila i soggetti coinvolti in Italia), distribuiti nelle sei missioni in cui è articolato il Pnrr. E focus anche sui progetti finanziati attraverso altri fondi nazionali connessi al Piano, per i quali ci sono già i decreti di impegno, tra cui il progetto bandiera della Toscana, quello sulla lotta all’erosione costiera.

I circa 4 miliardi in Toscana – sugli attuali 70 complessivi del Piano che alla sua conclusione dovrà impegnarne circa 250, con la relativa integrazione delle risorse per ogni regione – sono dunque distribuiti così: circa 388 milioni sulla prima missione, dedicata a innovazione, tecnologia, connettività e cultura;  oltre 1200 sulla seconda, riferita ad ambiente e mobilità sostenibile; la terza missione, per  trasporti e infrastrutture, impegna attualmente 302milioni; per la missione numero quattro, istruzione, formazione professionale avviamento al lavoro, ci sono 420 milioni; 991 milioni per la missione numero cinque che si riferisce ai piani di rigenerazione, alla lotta alle disuguaglianze anche territoriali; la missione numero sei, dedicata ci sono 453 milioni.

Giani parla anche delle risorse nazionali per i quali ci sono già i decreti di impegno: tra questi i 95 milioni per il progetto bandiera della Toscana contro l’erosione costiera, “su dieci province, cinque si affacciano sulla costa”; 49 milioni  per il ponte tra Signa e Lastra a Signa e 20 milioni per la nuova fermata ferroviaria Guidoni a Firenze.

Tra i ‘temi’ ricordati dal presidente lo sport – la voce entrata solo in un secondo momento nel Piano nazionale – che per la Toscana si stima possa valere 50 milioni a fronte del miliardo previsto a livello nazionale.