Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana TENews

I magistrati apuani ‘scioperano’: «Questa riforma della giustizia non migliorerà la situazione»

Succederà lunedì 16 maggio quando in tribunale sarà organizzata un'assemblea pubblica nel corso della quale giudici e avvocati spiegheranno le loro ragioni circa la proposta in discussione in Parlamento

Più informazioni su

MASSA-CARRARA – «Questa riforma della giustizia non migliorerà la situazione». E i magistrati apuani incrociano le braccia per una giornata. Succederà lunedì 16 maggio a Massa quando in tribunale sarà organizzata un’assemblea pubblica nel corso della quale giudici e avvocati spiegheranno le loro ragioni circa la riforma in discussione in Parlamento definita «inefficace».

«La magistratura italiana ha deciso di indire una giornata di astensione dall’attività giudiziaria» hanno scritto le rappresentanti locali dell’Anm Elena Marcheschi e Valentina Prudente in una lettera indirizzata a: magistrati e personale del tribunale, avvocati e giornalisti – ritenendo la riforma dell’ordinamento giudiziario attualmente in discussione in Parlamento inefficace rispetto al dichiarato scopo di migliorare la giurisdizione. In tale occasione, abbiamo deciso di organizzare un dibattito pubblico a cui siamo lieti di invitarvi, in quanto riteniamo utile un confronto con tutti gli operatori del diritto e non, e in particolare con gli avvocati, attori fondamentali e indispensabili per l’esercizio della giurisdizione».

«Riteniamo, infatti, che ogni momento di confronto, al di là delle legittime differenze di opinioni, sia fondamentale per comprendere i punti di vista di ciascuno ed elaborare soluzioni nell’interesse comune. Saremmo quindi lieti di una vostra partecipazione all’assemblea che si terrà nel Palazzo di Giustizia di Massa, alle ore 12 del giorno 16 maggio 2022, alla presenza di magistrati, avvocati, giornalisti, dipendenti. È estremamente gradito un vostro intervento durante l’assemblea. Ringraziando per la disponibilità ed attenzione, cogliamo l’occasione per porgere i nostri migliori saluti».

Più informazioni su