Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana TENews

Soste selvagge al Noa e parcheggi per disabili occupati: «Il problema lo deve risolvere il direttore dell’ospedale»

E' questa la risposta del consigliere Stefano Benedetti alla denuncia di un cittadino relativa all'occupazione abusiva dei parcheggi riservati alle persone fragili presso l'Ospedale Apuane

MASSA – Sulla questione sollevata da un cittadino, riguardante i parcheggi per disabili occupati abusivamente, interviene il consigliere del Comune Stefano Benedetti: «Mi sento in obbligo di intervenire riguardo al problema della mancanza di parcheggi per portatori di handicap al Noa di Massa, perché l’appello  rivolto in questi giorni da un cittadino al direttore dell’ospedale dott. Giuliano Biselli, è preoccupante, e significa che è emersa una ulteriore anomalia, oltre quelle già esistenti e che vengono denunciate pubblicamente e costantemente. Bisogna, intanto, precisare che l’ospedale, anche se pubblico, è gestito dalla società che ha partecipato al project financing e che ha la competenza di tutti i servizi non sanitari, ma è ovvio che la responsabilità di tutto ciò che coinvolge la parte sanitaria, come è per i parcheggi destinati alle persone svantaggiate, ricade sul direttore, altrimenti, per quale motivo i cittadini lo dovrebbero stipendiare?»

«Dal punto di vista economico-finanziario – prosegue – si capisce molto bene perché i parcheggi del Noa siano a pagamento, ma da un punto di vista sociale, questa vessazione non è comprensibile, perché si tratta di ospedale pubblico e comunque il parcheggio a pagamento induce alla sosta selvaggia e questo è uno dei motivi  che portano gli automobilisti a mettere le auto negli stalli per disabili e ciò è inaccettabile. Questa situazione esiste da sempre e mi pare impossibile che ancora oggi il direttore Biselli non abbia individuato una soluzione al problema, evitando quindi disagi alle persone inabili, disabili e anche agli anziani, costretti a parcheggiare sulla strada e a percorrere 300 metri a piedi per poter arrivare all’ingresso dell’ospedale.»

Quindi conclude: «Se è vero che il problema si può superare con la Polizia Municipale e che la convenzione è scaduta, basterebbe rinnovarla e quindi affidare la competenza e il controllo del traffico e parcheggi del Noa alla Polizia Municipale e allora perché non si è ancora provveduto a farlo? Per quanto sopra, la invito ad intervenire nei confronti del direttore del Noa Dott. Giuliano Biselli sensibilizzandolo e invitandolo a individuare una soluzione al problema per garantire i diritti  alle persone disabili.»