Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana TENews

Problema plagio della tesi: come e perchè è importante risolverlo

Più informazioni su

La stesura di una tesi di laurea è un lavoro complesso e impegnativo ma, purtroppo, sono sempre più frequenti i casi di copie e plagi. Questo fenomeno mette a dura prova l’originalità dei contenuti, rendendo vani mesi e mesi di ricerche. Per cercare di ottenere una maggiore tutela in questo senso, esistono alcuni semplici ma importanti segreti da seguire, oltre alla possibilità di affidarsi a veri e propri professionisti del settore. Nel presente articolo cercheremo di capire come muoversi e a quali servizi rivolgersi per proteggere la propria tesi.

Plagio e giurisprudenza

Come già anticipato, non è raro imbattersi in tesi che sono frutto di plagio. I numeri parlano chiaro: almeno la metà dei lavori contiene oltre il 15% di parole copiate dalla rete.

Ciò significa che trovare degli scritti che siano originali e unici è davvero un’ardua impresa, anche perché spesso non si capiscono i limiti di una simile operazione. Chi si rende responsabile di un plagio compie, infatti, una grave violazione dei principi che vengono regolamentati dalla cosiddetta legge sul diritto d’autore (L. n. 633 del 1941). Tale norma ha l’obiettivo di preservare chi scrive, andando a punire chi si è reso colpevole di eventuali copia e incolla.

Il plagio, infatti, è un reato sia di tipo civile sia di tipo penale, oltre che amministrativo, comportando pesanti ammende per i colpevoli.

Come evitare il plagio

Al fine di evitare che la propria tesi possa essere oggetto di plagio, è opportuno mettere in pratica alcuni semplici comportamenti. Per prima cosa, assicuratevi di riportare sempre il vostro nome e cognome, indicando anche l’anno in cui il testo è stato scritto. Questo aiuterà chi legge a capire che i contenuti non sono liberi, ma appartengono a un determinato autore.

Inoltre, quando si scrive una tesi, è fondamentale rispettare le proprie fonti, menzionandole in modo dettagliato, curando anche la bibliografia in cui verranno elencate tutte le opere citate nel testo.

Il supporto della tecnologia al plagio

Al giorno d’oggi, il progresso tecnologico può essere d’aiuto anche in questo campo, andando a sviluppare software di ultima generazione, in grado di identificare rapidamente eventuali parti di testo copiate.

Il programma si basa su un’analisi approfondita delle parole, andando a confrontare la tesi con altri documenti presenti su internet, in modo da trovare eventuali corrispondenze. Se la percentuale supera una determinata soglia considerata critica, allora è possibile affermare che ci si trova di fronte a un caso di plagio.

Uno strumento utile a questo scopo è il servizio di rimozione plagio sul sito noplagio.it. Questo servizio impiega editori altamente qualificati che modificano il giornale e rimuovono il plagio. Al termine del servizio, il testo è pronto per essere presentato all’università senza rischio di plagio.

Se desiderate proteggere la tesi e tutelarne il contenuto, non dovrete far altro che registrarvi sulla piattaforma per accedere a un pacchetto completo di servizi a vostra disposizione per identificare i responsabili di possibili plagi.

Più informazioni su