Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana TENews

«Fossa Fiorentina, i rifiuti sono ancora lì. Serve una risposta rapida delle istituzioni» foto

Italia Nostra interviene nuovamente sul problema: «Abbiamo ricevuto dal presidente del Consorzio 1 toscana Nord, Ismaele Ridolfi, una risposta con cui venivamo informati dell'apertura di una pratica con l'avviso che avremmo ottenuto risposta»

Più informazioni su

MONTIGNOSO – «Tempo fa avevamo segnalato il penoso stato della Fossa Fiorentina, precisamente informato della presenza di rifiuti, confidando in un tempestivo intervento delle autorità alle quali ci eravamo rivolti (Comuni di Montignoso e di Pietrasanta, Carabinieri Forestali, Arpat, Ferrovie dello Stato, Consorzio bonifica toscana 1). I tempi della burocrazia, purtroppo, sono lenti e così dopo un mesetto abbiamo ricevuto dal presidente del Consorzio 1 toscana Nord, Ismaele Ridolfi, una risposta con cui venivamo informati dell’apertura di una pratica con l’avviso che avremmo ottenuto risposta». La sezione di Massa-Montignoso di Italia Nostra torna a intervenire su Fossa Fiorentina.

«Alla mail seguiva, trascorso un ulteriore lasso di tempo, una comunicazione telefonica con la quale il Consorzio invitava l’associazione a un sopralluogo per il giorno 22 aprile in località Salto delle Cervia; Italia Nostra immediatamente aderiva all’iniziativa ed estendeva la partecipazione al Comune di Montignoso nella persona della dottoressa Barbara Vietina. Alla comunicazione telefonica poc’anzi citata ne seguiva, quasi immediatamente, una ulteriore con cui veniva disdetto l’appuntamento adducendo scuse generiche e con l’impegno di fornire una nota ufficiale».

«Per completare l’informazione – prosegue l’associazione ambientalista – ieri la dottoressa Vietina, via e-mail, mi confermava che sta cercando di provvedere insieme al Comune di Pietrasanta e questa mattina la stessa cosa mi è stata dichiarata telefonicamente dall’assessore all’Ambiente del Comune di Montignoso Giulio Francesconi. Comunque vadano le cose, questa vicenda dimostra quanta strada si debba ancora fare per avere enti in grado di fornire rapidamente una risposta, di dar luogo, con speditezza, a un intervento concreto; è veramente dura comprendere come si possa “spendere” oltre un mese, considerando gli strumenti e le risorse odierne (personale, ecc), per ottenere, semplicemente, la promessa di una comunicazione scritta».

«Italia Nostra ritiene che i cittadini/contribuenti – conclude l’associazione – meritino, da parte degli enti e delle istituzioni, una reattività, nei limiti delle capacità e competenze del caso, proporzionata alla particolarità, complessità delle criticità da risolvere. In conclusione Italia Nostra chiede, pubblicamente, quanto si dovrà ancora attendere per vedere rimossi i rifiuti presenti nella Fossa Fiorentina».

Più informazioni su