Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana TENews

Emergenza casa, Zanti su via delle Tortore: «Trovate soluzioni per molte famiglie»

Secondo l'assessore, nei giorni scorsi sono state riportate «molte inesattezze. Questa amministrazione sta finalmente mettendo in atto interventi risolutivi»

Più informazioni su

MASSA – A seguito degli articoli comparsi nei giorni scorsi sui media locali relativi alla situazione della residenza sociale di via delle Tortore, secondo il Comune di Massa sono state riportate «molte inesattezze» e per questo interviene l’assessore al Sociale Amelia Zanti per fare chiarezza su alcuni punti. «Innanzitutto – afferma – è bene ribadire che, solo grazie alle politiche messe in campo dall’amministrazione Persiani, oggi abbiamo una maggiore quantità di alloggi a disposizione per dare risposte concrete ai bisogni delle famiglie. Ricordiamoci che la situazione di via delle Tortore ha rappresentato uno dei maggiori fallimenti delle precedenti amministrazioni, luogo pensato dalle vecchie giunte per chiudere un altro intervento scellerato come quello del “Comune garante”».

«Questa amministrazione invece sta finalmente mettendo in atto interventi risolutivi che stanno ponendo fine agli errori del passato; si pensi che solamente in questo ultimo mese abbiamo assegnato ad otto nuclei familiari in emergenza abitativa altrettanti alloggi, abbiamo fatto due cambi casa a nuclei che vivevano da anni grosse difficoltà a causa delle barriere architettoniche presenti nei loro immobili e stiamo procedendo a scorrere la graduatoria ordinaria con cui abbiamo assegnato anche un alloggio ad un nucleo che, benché validamente inserito nella graduatoria ordinaria, da anni viveva in emergenza abitativa. Degli 8 alloggi di edilizia residenziale pubblica assegnati sulla base della graduatoria per l’emergenza – spiega l’assessore – due hanno interessato famiglie inserite nella struttura di via delle Tortore andando così a risolvere la situazione emergenziale a 11 persone, tra cui 7 minori; altri 2 sono stati assegnati a nuclei da anni inseriti presso il Moublè Argia e gli altri a famiglie che si trovavano in altre soluzioni emergenziali o sotto sfratto esecutivo. Le assegnazioni fatte sino ad ora rispettano il limite di riserva del 40% previsto dalla legge regionale, ma già dalle prossime settimane continueremo ed assegnare alloggi a chi si trova validamente inserito nella graduatoria per l’emergenza».

«È evidente quindi il gran lavoro svolto dall’amministrazione comunale e dal settore Sociale sulle politiche abitative e l’impegno profuso nel superare non solo la situazione della struttura di via delle Tortore, ma di tutte le realtà emergenziali nella nostra città. Tornando alla residenza di via delle Tortore che inspiegabilmente desta tanta attenzione – prosegue l’assessore Zanti – come detto, la situazione si è alleggerita. Dei sei nuclei che ancora vi alloggiano, tre vivono in mini appartamenti con servizi igienici dedicati e gli altri tre, per un totale di 9 persone, condividono due servizi igienici. In questo caso, è presente un solo minore».

«Quanto attuato da questa amministrazione dimostra da sempre la costante e concreta attenzione verso le famiglie che più si trovano in difficoltà» conclude l’assessore Zanti. «Abbiamo realizzato progettualità e c’è un impegno sempre maggiore nei confronti di tutti i concittadini che sappiamo vivere situazioni critiche. Perché ricordo ancora che la residenza sociale in questione non è l’unica ad ospitare persone in emergenza abitativa. Spero pertanto che i numerosi “benefattori” che a turno si interessano dell’argomento non stiano solamente strumentalizzando la povertà per scopi personali e per un po’ di visibilità. Non da ultimo vorrei ricordare che l’amministrazione Persiani ha già ottenuto il finanziamento necessario per la totale riqualificazione della struttura in questione, per cui le chiacchiere le lasciamo ad altri, per noi parlano i fatti».

Più informazioni su