LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana TENews

Due anni dalla scomparsa del sindaco Grassi. In sua memoria una targa all’ospedale fivizzanese

All'indimenticato sindaco vittima del Covid, l'Azienda Usl Toscana nord ovest ha intitolato il Laboratorio di analisi chimico cliniche di Fivizzano

FIVIZZANO – A due anni dalla scomparsa di Paolo Grassi, indimenticato sindaco vittima del Covid, l’Azienda Usl Toscana nord ovest gli ha intitolato il Laboratorio di analisi chimico cliniche di Fivizzano e una targa in sua memoria è stata scoperta dalla figlia Elena, presenti anche il figlio Cristian e la moglie Silvia Baccini.

La toccante cerimonia per ricordare Grassi – per 42 anni dipendente del laboratorio analisi, oltre che amatissimo sindaco di Fivizzano per due mandati – è stata fortemente voluta dai colleghi, che con lui hanno condiviso un lungo percorso professionale e umano. Durante la Messa, officiata nella cappella dell’ospedale da don Bernardo Marovelli, sono state evidenziate le sue straordinarie qualità umane.

La moglie Silvia Baccini  e la figlia Elena, molto commosse, hanno sottolineato il forte senso di responsabilità che ha accompagnato l’intera vita professionale di Paolo: un attaccamento al lavoro che ha sempre dimostrato negli anni, anche nei momenti più difficili, insieme alla volontà di fare il bene della comunità e di venire incontro alle esigenze della gente.

Parole di grande affetto e gratitudine sono state espresse dal sindaco di Fivizzano Gianluigi Giannetti, che da Grassi ha avuto in lascito l’eredità politica e che si è fatto testimone del suo mandato, riconoscendo in lui un modello da seguire, anche per come ha sempre lottato per la salvaguardia dei servizi sanitari.

Il direttore sanitario dell’Azienda Usl Toscana nord ovest Luca Lavazza ha messo in evidenza che – da parte di tutti gli operatori che hanno avuto la possibilità di conoscere Paolo e di lavorare al suo fianco – emerge il profilo di una persona ”speciale” per la comunità: è stato quindi giusto, come voluto e richiesto dai suoi colleghi, commemorare il suo altissimo valore con una cerimonia dedicata.

Il direttore del Dipartimento delle professioni tecnico sanitarie, della prevenzione della riabilitazione Emilio Bertolini, collega e amico, ne ha ricordato la figura dal punto di vista professionale e umano: questa intitolazione – ha detto Bertolini – permetterà di lasciare un segno indelebile per ricordarlo là dove ha passato l’intera sua vita con dedizione e lungimiranza. Era infatti un professionista attento,  che conosceva l’importanza della tradizione ma sempre con un occhio al futuro e senza preclusioni verso il cambiamento, necessario in sanità.

Anche il direttore generale dell’Azienda Usl Toscana nord ovest Maria Letizia Casani ha fatto pervenire un suo messaggio di vicinanza e di affetto, ai familiari e agli operatori presenti a Fivizzano: “Ho conosciuto Paolo Grassi – sono le parole della dottoressa Casani – e ho potuto apprezzarne il carattere e le qualità umane e professionali: una figura davvero di alto profilo che ha saputo operare per il bene del suo ospedale e della sanità lunigianese”.

Hanno partecipato a per questa giornata dedicata a Paolo Grassi numerose altre autorità, tra cui la sindaca di Filattiera Annalisa Folloni, il sindaco di Licciana Nardi Renzo Martelloni, la delegata della Provincia  Elisabetta Sordi e il direttore del Presidi ospedali dell’ambito di Massa e Carrara Giuliano Biselli.

Tanti, poi, i colleghi che hanno voluto essere presenti, a due anni esatti dalla scomparsa di Paolo, che ha lasciato tutta la comunità in un profondo dolore.