Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana TENews

Dialisi Pontremoli, l’Asl: «A breve l’inserimento di nuovi infermieri»

L'azienda sanitaria risponde alla Cgil: «Costante monitoraggio»

PONTREMOLI – La direzione infermieristica della Asl Toscana nord ovest interviene in risposta alla denuncia della Cgil relativamente al servizio di dialisi dell’ospedale di Pontremoli (qui), sottolineando che è in atto un  costante monitoraggio sul funzionamento dei servizi territoriali e ospedalieri. “Proprio perché siamo consapevoli dell’importanza del servizio e delle legittime aspettative dell’utenza e della cittadinanza, abbiamo provveduto all’inserimento di personale infermieristico al posto dei dipendenti prossimi alla pensione, investendo in particolare su professionisti con pregresse competenze nello specifico ambito assistenziale. Infatti, con congruo anticipo è stato pianificato l’inserimento, l’affiancamento e l’addestramento di due infermieri in sostituzione di quelli uscenti”.

“La concomitante assenza per malattia di due infermieri ha parzialmente e temporaneamente vanificato l’attuazione del piano predisposto e ha necessariamente portato a  scelte organizzative contingenti e del tutto straordinarie. In accordo con il responsabile medico della struttura una parte delle sedute dialitiche è stata rimodulata contraendo gli orari nella fascia pomeridiana e, nelle stesse fasce orarie, sono stati impiegati gli infermieri che si sono resi disponibili, ai quali va il nostro ringraziamento”.

“Inoltre, contemporaneamente, sono partite le procedure di mobilità che si sono da poco concluse. Ciò perché la dialisi ha bisogno di personale specializzato che, prima di entrare in servizio, deve essere affiancato da chi ha più esperienza. In attesa che vengano assegnati   i posti messi in mobilità, la scelta organizzativa ha puntato sull’inserimento tempestivo di professionisti con esperienza pregressa nel settore”. “Infine, una volta concluse le procedure  e rientrati gli assenti per malattia, il numero degli infermieri sarà maggiore rispetto alla dotazione organica precedente”.