Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana TENews

Pabe: il Tar respinge il ricorso della Regione contro Fivizzano, il lavoro alle cave è salvo

Grande la soddisfazione dell’assessore Gia: «Un primo risultato che ci conforta e che evidenzia il buon lavoro svolto dai tecnici»

FIVIZZANO – Sul ricorso numero di registro generale 1343 del 2021, proposto da Regione Toscana nei confronti della Delibera del Consiglio Comunale di Fivizzano n. 47 del 12.07.2021 con la quale il Comune di Fivizzano ha approvato i Piani Attuativi Bacino Estrattivo delle Alpi apuane, senza adempiere alle prescrizioni sui 1.200 mslm impartite dalla Conferenza dei Servizi ex artt. 113 e 114 L.R. 65/2014 (pubblicata sull’Albo Pretorio Comunale dal 7.10.2021 al 22.10.2021) nonché di ogni altro atto presupposto, consequenziale o comunque connesso; il Tribunale Amministrativo Regionale per la Toscana ha respinto la domanda cautelare in quanto la sospensione cautelare dell’intero Piano Attuativo di Bacino Estrattivo approvato dal Comune di Fivizzano appare misura sproporzionata rispetto alle esigenze rappresentate dalla Regione Toscana, poiché determinerebbe pregiudizio anche alle attività estrattive che neppure astrattamente sono interessate dalle problematiche da essa sollevate in quanto svolgentesi a quote di altezza pacificamente inferiori a 1.200 metri sul livello del mare.

Grande la soddisfazione dell’assessore alle Cave e Ambiente Giovanna Gia: “Un primo risultato che ci conforta e che evidenzia il buon lavoro svolto dai tecnici per la realizzazione di un piano estrattivo complesso, moderno a tutela del lavoro nel rispetto delle regole che salvaguardano l’ambiente delle nostre montagne. Abbiamo proceduto passo passo per produrre un Pabe funzionale e ben calato nel nostro territorio, facendo le giuste valutazioni con serietà e serenità senza frenesie e pregiudizi, con il coraggio di chi deve fare le scelte per il proprio territorio, contro le minoranze che come loro uso cercano sempre la strumentalizzazione delle decisioni dell’amministrazione”.

Il sindaco Gianluigi Giannetti si complimenta con l’assessore Gia: “Da subito ha svolto con passione, competenza e impegno un grande lavoro per arrivare al completamento di un piano di estrazione dei bacini marmiferi complesso e difficile, un piano che ha una validata decennale e che per un’amministrazione è un evento straordinario. Oggi la sentenza del Tar ci gratifica per il lavoro svolto, confermando che la nostra amministrazione anche in questo caso ha dimostrato competenza, conoscenza e visione. Nel consiglio del luglio 2021 all’approvazione del Pabe dissi che questa documento avrebbe fatto giurisprudenza, il respingimento di questo primo ricorso regionale conferma la bontà dell’affermazione di allora. In queste settimane si sono visti attacchi, articoli e post delle minoranze consiliari e delle forze politiche di opposizione, che hanno attaccato l’amministrazione accusandoci di avere ricevuto ricorso da parte della Regione con danni per il lavoro, il territorio, le aziende senza avere come sempre contezza, conoscenza della materia dimostrando tutta la loro inadeguatezza a svolgere anche il ruolo di opposizione. A differenza nostra, che da subito abbiamo avuto conoscenza della complessità della materia affrontando con la massima attenzione, consapevoli e certi delle nostre interpretazioni che abbiamo sempre dichiarato nella massima chiarezza e trasparenza e portato a votazione, a differenza delle minoranze incapaci anche di prendere una posizione chiara sulle scelte da fare nella gestione di un settore delicato come quello delle cave. Con questa prima sentenza, le aziende che insistono nelle cave del nostro Comune possono regolarmente proseguire la loro attività garantendo il lavoro per tutti coloro che operano nel settore e coloro che lavorano nell’indotto, nel rispetto delle regole che il Pabe approvato dal Comune di Fivizzano impone.”