LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana TENews

«Sanzioni ai benzinai apuani, basta con la criminalizzazione della categoria» foto

Parla il responsabile Toscana Nord di Faib, il sindacato dei gestori di carburante di Confesercenti, Adriano Rapaioli: «Bisogna distinguere i cosiddetti furbetti da chi non adempie ad assurde procedure per la loro farraginosità»

MASSA-CARRARA – “Basta con la criminalizzazione della categoria: per Faib bene punire coloro che ingannano i consumatori sui prezzi carburanti dove non c’è corrispondenza tra il prezzo esposto sul piazzale e quello effettivamente erogato dalla pompa, ma tante infrazioni che riguardano il presunto obbligo di comunicazione al Mise in assenza di variazione dei prezzi”. E’ il responsabile Toscana Nord di Faib, il sindacato dei gestori di carburante di Confesercenti, Adriano Rapaioli ad intervenire dopo i controlli e le sanzioni nei confronti di alcuni impianti apuani per fare chiarezza.

“Il nostro sindacato già nell’ottobre scorso aveva rappresentato ai Ministri dello Sviluppo Economico e dell’Economia, al comando generale della Guardia di  Finanza e al presidente dell’Anci, l’estrema complessità e la farraginosità della normativa che disciplina, da alcuni anni, la materia della pubblicizzazione dei prezzi dei carburanti – spiega Rapaioli -: a gravare ulteriormente le imprese, una serie di controlli volti a sanzionare presunti comportamenti illegittimi consistenti in ritardi pregressi nelle comunicazioni obbligatorie sulla piattaforma informatica del Mise, piuttosto che di una non corretta pubblicizzazione dei prezzi medesimi, presente sulla cartellonistica predisposta dai soggetti titolari degli impianti medesimi, presso le singole stazioni di servizio”. Per il sindacato dei benzinai di Confesercenti, quindi, “bisogna distinguere i cosiddetti furbetti da chi non adempie ad assurde procedure per la loro farraginosità. Gestori – incalza Rapaioli – ai quali sarebbe imposto di adempiere alle normative pur non disponendo di adeguati strumenti, cartelli, insegne od altra attrezzatura comunque conforme a quanto indicato dalle disposizioni vigenti, ma saldamente nella esclusiva disponibilità delle compagnie petrolifere proprietarie  degli impianti”.

“Nulla da dire se venissero rilevate violazioni dei prezzi esposti con i prezzi praticati – conclude il responsabile Faib Toscana Nord – ma occorre considerare che la normativa al riguardo è complessa e soprattutto inutile per la trasparenza nei confronti dei consumatori finali. La nostra categoria è l’unica, nel segmento della distribuzione di beni e servizi di largo consumo, ad essere obbligata a trasmettere tempestivamente (comunicazione all’Osservatorio Prezzi del Mise) i relativi prezzi settimanali, nelle molteplici modalità (self service, servito; prodotti speciali; prodotti liquidi e gassosi). Un groviglio di norme, decreti ministeriali, rinvii a sistemi sanzionatori previsti da disposizioni legislative spesso contrastanti che andrebbe semplificato, anche alla luce di una verifica concreta del fine ultimo che  tali normative dovrebbero cogliere: la tutela della buona fede del consumatore”.