Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana TENews

Concerto di Natale del Fossola-Gentili all’insegna dell’integrazione, della pace e della fratellanza

CARRARA – Giornate all’insegna di note, allegria e spirito natalizio all’Istituto comprensivo “Fossola-Gentili”, dove la musica è di casa. Tante le iniziative portate avanti dalla squadra degli insegnanti di musica e di strumento della scuola media “Dazzi”, che durante questi mesi hanno guidato gli studenti alla scoperta e all’espressione di sé attraverso lo strumento e la voce, promuovendo e condividendo con loro i valori della solidarietà, della collaborazione e dell’impegno.
Si è partiti con un weekend denso di avvenimenti: venerdì 17 e sabato 18 dicembre le classi prime della scuola secondaria di primo grado “A. Dazzi”, ognuna associata a una classe quinta delle varie primarie dell’Istituto (“Nardi”, “Frezza”, “Gentili” e “Fontana”), si sono esibite nel cortile della scuola primaria “A.Gentili”, diretti dalla Prof.ssa Raffaella Brizzi che, in collaborazione con le colleghe delle elementari, anche quest’anno, ha realizzato il progetto di continuità all’insegna della musica che da sempre caratterizza l’Istituto, nonostante le difficoltà dovute all’emergenza Covid-19: tramite collegamenti a distanza, gli allievi, con serietà e divertimento, hanno imparato a cantare insieme, preparando alcuni brani natalizi sui temi dell’integrazione, della pace e della fratellanza.

“Il nostro albero abbraccia tutto il mondo coi suoi rami, il nostro albero ci fa sentire amici tutti quanti”, cantavano le loro dolci voci, emozionando il pubblico presente. Dopo i canti, i flauti dolci della secondaria hanno suonato alcuni brani natalizi; lo spettacolo si è concluso con la lettura di una poesia da parte dei bambini della primaria e col dono ai compagni più grandi di una pergamena, nello spirito di gratitudine e collaborazione che ha animato il progetto.

Canti, flauti dolci e spirito di condivisione sono stati protagonisti anche di domenica 19 dicembre quando alcuni alunni delle classi 3B, 3C, 3D e 1C della scuola media “Dazzi” si sono esibiti sul Sagrato della Chiesa “San Giovanni Battista”, invitati dalla ProLoco di Fossola e diretti dalla Prof.ssa Raffaella Brizzi. Oltre ai classici brani natalizi come “A Natale puoi” e “Jingle Bells”, i ragazzi hanno proposto pezzi freschi e frizzanti coi quali hanno scaldato un freddo pomeriggio di dicembre, inducendo genitori e insegnanti a muoversi al ritmo brioso della musica.

Tradizione e innovazione, ritmo movimentato e armonie dal respiro più ampio, magia natalizia e desiderio di partecipare hanno animato anche il pomeriggio di martedì 21 dicembre, quando il cortile della scuola secondaria di primo grado “A. Dazzi” si è riempito di note, ragazzi entusiasti di cantare e di suonare e genitori e insegnanti altrettanto impazienti di ascoltarli. Prima è stato il turno dell’orchestra delle classi seconde: diretti dagli insegnanti di strumento (i prof.ri Marco Roselli: chitarra; Ilaria Gigli: violino; Luca Venturini: flauto traverso; Arturo Lagomarsini: pianoforte) e animati dalla trepidazione delle prime volte, i ragazzi si sono esibiti in alcuni brani della tradizione natalizia, partendo dalla magia di “Stille Nacht” per approdare all’allegria incontenibile di Jingle Bells in una divertente versione rivisitata.

Dopo aver coinvolto il pubblico, hanno lasciato la scena all’orchestra delle classi terze che, diretta dai docenti di strumento e accompagnata dal coro guidato dalla Prof.ssa Raffaella Brizzi, hanno entusiasmato il pubblico presente, mostrando come, nonostante le difficoltà legate all’emergenza Covid-19, sia stato possibile, grazie alla tenacia, alla costanza e alla passione, coltivare il proprio talento e cogliere tutte le occasioni per condividere con gli altri l’amore per la musica. Dall’atmosfera rarefatta e sognante di “The First Noel” al canto struggente de “Il valzer delle candele”: è stato un attimo caricare l’ambiente di intensa emotività. Così, dopo il brano strumentale “Carol of the bells”, canto ostinato su quattro note che si inseguono nel ritmo, i ragazzi hanno salutato genitori e insegnanti, lasciando loro nelle orecchie la magia unica e inconfondibile di una splendida “White Cristmas”, che non può certo mancare in ogni concerto natalizio che si rispetti.