Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana TENews

Treni, la linea Pisa-Lucca-Aulla non è affidabile: risarcimenti e bonus per gli utenti

È una delle tre linee toscane ancora sotto l'indice di affidabilità. L'assessore Baccelli: «Continuano a contattarci, a segnalarci disagi, a chiederci soluzioni»

TOSCANA – Potenziare il lavoro della cabina di regia per raggiungere l’obiettivo prioritario: ridurre al minimo i disagi per gli utenti. Così l’assessore ai trasporti e alla mobilità Stefano Baccelli dopo la diffusione dell’indice di affidabilità (relativo a novembre 2021) delle linee ferroviarie regionali. Tre in particolare quelle che non lo hanno raggiunto: Siena-Chiusi, Pisa-Lucca-Aulla e Firenze-Borgo San Lorenzo (Via Vaglia)-Faenza.

“Gli utenti del servizio ferroviario – ha detto Baccelli – continuano a contattarci, a segnalarci disagi, a chiederci soluzioni. Il lavoro della cabina di regia con Rfi e Trenitalia, che ho convocato due giorni fa e che continuerà a riunirsi con cadenza regolare ogni mese, deve andare nell’unica direzione possibile: rendere il servizio sempre più efficiente e ridurre al minimo i disagi per chi ogni giorno lo usa per andare a lavorare, a studiare o semplicemente per spostarsi. Non mi stancherò di ripeterlo. E ridurre i disagi significa non soltanto eliminare i problemi strutturali ma anche informare gli utenti con tempestività in caso di disservizi”.

A novembre 2021 tre linee non hanno rispettato il target previsto dal contratto di servizio e altre lo hanno raggiunto per un soffio. “La cabina di regia riunita pochi giorni fa ha fatto un approfondimento su due delle linee in questione, la Faentina e la Siena-Chiusi. Quest’ultima ha mancato l’obiettivo per 5 mesi su 11, non è ammissibile. Della Pisa-Lucca-Aulla ci occuperemo nelle prossime riunioni. Non dobbiamo trascurare un elemento importante: l’indice di affidabilità previsto dal contratto di servizio con Trenitalia si innalzerà progressivamente, fino al 98% nel 2024. Questo significa che la cabina di regia dovrà lavorare per trovare soluzioni tali da impedire che scatti ancora il bonus e quindi rendere il servizio davvero affidabile e regolare”.

Ricordiamo che in base al contratto di servizio tra Regione Toscana e Trenitalia, per il 2021 la soglia di affidabilità delle linee ferroviarie è fissata al 97,25%, sotto al quale gli abbonati hanno diritto ad un bonus come risarcimento per i disservizi (ritardi e soppressioni) che si sono verificati nel corso del mese. Per novembre 2021 tre sono le linee scese sotto all’indice: Firenze – Borgo S.L – Faenza (via Vaglia) 96,87%, Pisa-Lucca-Aulla 97,15% e Siena-Chiusi 96,32%. Nel 2020 il diritto al bonus scattava con un’affidabilità inferiore al 97%. Nei prossimi anni l’indice aumenterà, di volta in volta, di 0.25 punti percentuali. Dal 97,25% attuale passerà al 97,5% nel 2022. Fino al 98% nel 2024.