Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana TENews

«Ancora un Natale di austerity per i dipendenti del Comune di Carrara»

Mastorci (Cisl Fp): «Dovranno aspettare la prossima primavera per vedersi pagare una parte del loro salario: quello accessorio»

Più informazioni su

CARRARA – “Ancora un Natale di austerity per i dipendenti del Comune di Carrara. Nonostante le numerose sollecitazioni fatte tempo per tempo, i dipendenti e le dipendenti del Comune di Carrara dovranno aspettare la prossima primavera per vedersi pagare una parte del loro salario: quello accessorio”. A denunciarlo è Enzo Mastorci, Segretario Generale Cisl – Fp Toscana Nord: “Da più parti emerge la poca attenzione che l’amministrazione comunale pone verso i proprio dipendenti ed anche il mancato pagamento della produttività ne è la testimonianza. Nonostante il periodo difficile attraversato, sembra che per l’amministrazione De Pasquale non sia ancora giunto il momento di pagare i proprio dipendenti. Inoltre c’è il problema della delibera 321 del 28 ottobre – spiega Mastorci -, che prontamente recepisce in modo stringente e inopportuno la limitazione allo smart working verso i dipendenti che hanno patologie tali da vedersi (purtroppo), riconosciuta una invalidità permanente. Su questo tema sta approfondendo il nostro studio legale”.

“L’amministrazione comunale e l’Assessore al Personale – continua il segretario della Cisl Fp – non hanno evidentemente letto le linee guida del governo che prevede il coinvolgimento delle organizzazioni sindacali nell’individuazione delle attività lavorative da poter svolgere da remoto, fermo restando erogazione dei servizi all’utenza. La disposizione della giunta comunale, non tiene conto del principio della rotazione sancito dalle linee guida e, neanche della possibilità di adottare il cosiddetto “lavoro da remoto” anch’esso da regolamentare con il coinvolgimento dei sindacati. Vogliamo parlare delle cosiddette progressioni verticali? Anche in questo caso – conclude Mastorci – sono stati messi “pali e paletti ” che impediscono la piena valorizzazione del personale dipendente quasi fosse per l’amministrazione “un nemico in casa”, mentre dovrebbe essere considerato la più preziosa risorsa”.

Più informazioni su