Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana TENews

Axis Mundi: un insolito albero di Natale di tradizioni misconosciute a Seravezza

Più informazioni su

SERAVEZZA – Un albero di Natale insolito, che parla di tradizioni misconosciute, di cultura di un territorio, quello ai piedi delle cave di marmo, che con la candida materia convive da secoli. “Axis mundi” è il suo nome, e consiste nell’originale installazione dello scultore Nicolas Bertoux che verrà inaugurata domenica 5 dicembre , alle ore 18, in piazza Carducci, nel centro storico di Seravezza, grazie alla collaborazione tra la Fondazione Arkad e il Comune della cittadina toscana.

“Axis mundi”, ovvero la famosa “Asse del mondo” che collega il cielo, la terra e gli inferi presente in differenti religioni e mitologie, è una piramide fatta di  centoundici cuscini divaricatori di cava, utilizzati come pistoni o martinetti per aprire le bancate nelle cave di marmo, inseriti piani nel taglio fatto nella montagna con il filo diamantato, poi “gonfiati” con acqua a pressione fino a far aprire e ribaltare la bancata. Ne esistono di diverse misure, secondo la potenza necessaria, sono mono-uso e di solito finiscono riciclati come ferro vecchio. Quelli utilizzati da Bertoux pesano 1.400 chili e sono stati recuperati nelle cave di marmo da Carrara, (Fantiscritti),a Seravezza (Cervaiole). La loro forma, proprio simile ad un guanciale, è particolarmente gentile, generosa ed accogliente, e la loro materia di ferro arrugginito è di un colore caldo, autunnale.

Da diversi anni Nicolas Bertoux recupera questi cuscini nelle cave di marmo dove sceglie i blocchi di marmo per le sue sculture, poi li compone e li assembla per realizzare installazioni temporanee in diversi luoghi (come il lungofiume a Seravezza, la cava di Trambisera, il Palazzo Mediceo, la Chiesa di Seravezza, la fiera di Forte dei Marmi, la Fondazione Arkad, La Capella di Azzano, etc…). La piramide, vera opera di Arte Urbana, alta  5.30 metri, sarà illuminata da 33 faretti LED e potrà essere ammirata fino al 7 gennaio 2022)

«L’intento di Bertoux, con l’installazione scultorea, è quello di dialogare con il luogo dove è stata collocata: la Piazza col suo monumento ai caduti, le tradizioni e tutte le persone che interagiranno con essa mediante semplici riflessioni o scatti fotografici. Un dialogo che rappresenta l’Asse del mondo con le sue relazioni e attira l’auspicio di mantenere in equilibrio, in asse, la Natura che viviamo», così come ben sottolineato da Filippo Rolla.

L’inaugurazione dell’”Albero di Natale”, con la sua accensione ufficiale, sarà seguita da giochi di fuoco e percussioni realizzati direttamente sull’opera d’arte. Arkad è una Fondazione senza fini di lucro, nata nel 2002 con l’obiettivo di creare un centro interculturale destinato a favorire i progetti artistici, aiutare gli scultori nella realizzazione di opere d’arte, promuovere e diffondere la cultura, in modo particolare le arti plastiche, e organizzare la formazione professionale e l’accoglienza degli artisti. Lo spazio della Fondazione è ospitato all’interno delle strutture dello Studio ARTCO, nella storica segheria di marmo adiacente al Palazzo Mediceo di Seravezza, situato fra le Alpi Apuane e la pianura della Versilia, dove attivamente lavorano Nicolas Bertoux e la moglie Cynthia Sah, anch’essa artista e scultrice a livello internazionale.

Più informazioni su