Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana

“Catena donne”, un progetto di solidarietà. A rappresentare Massa-Carrara sarà Marina Pratici

AULLA – Sotto l’egida dell’associazione culturale internazionale “Verbumlandiart – APS”, presieduta da Regina Resta, un gruppo di donne da ogni parte del mondo, legate dalla passione per l’arte e la cultura, si sono unite per creare una catena di solidarietà che coinvolga altre donne, in modo da realizzare attività specifiche a beneficio dei giovani e delle comunità con gli strumenti della parola, della scrittura, della creatività artistica e delle competenze. Di questo gruppo fa parte anche la scrittrice, poetessa e critica letteraria Marina Pratici, originaria di Aulla in Provincia di Massa-Carrara, la quale si dice “onorata di accogliere questo incarico prestigioso, frutto di un percorso personale e pluridecennale per l’abbattimento delle disparità di genere”.

Un percorso che ha visto, fra gli altri, due step importanti: la nomina a Ufficiale della Repubblica Italiana per l’impegno per la parità di genere e per i diritti dei minori, e il conferimento, nel 2019, del riconoscimento con diploma e medaglia da parte della presidente del Senato, Maria Elisabetta Casellati, riconoscimento recante la seguente motivazione: “Per l’impegno costante ed efficace nella prevenzione e nel contrasto alla violenza sulle donne e per la promozione di iniziative mirate all’abbattimento delle differenze di genere”.

Il nome del progetto su cui lavorerà il gruppo al femminile è “Catena donna” e questo si pone l’obiettivo di mettere in relazione le donne di tutto il mondo per una testimonianza di solidarietà   tra Paesi anche distanti tra loro; vuole, inoltre, essere un punto di incontro per tutte le ideologie e culture senza distinzione di razza, di religione e orientamenti politici, temi discriminanti per la costruzione di un vero dialogo.

Il progetto, quindi, cercherà di rispondere al bisogno delle donne di accedere a informazioni sui diritti e i servizi di cui possono godere; aumentare la consapevolezza e supportarle nel partecipare alla vita culturale, sociale ed economica; attivare campagne di educazione e comunicazione che contribuiscano a promuovere cambiamenti nei comportamenti socio-culturali, al fine di eliminare pregiudizi, costumi, tradizioni e qualsiasi altra pratica basata su modelli stereotipati dei ruoli delle donne e degli uomini.

La chiave metodologica che sarà adottata per lo svolgimento del progetto sarà l’autoformazione, proprio perché capace di coinvolgere tutti i soggetti partecipanti, chiedendo loro di assumere, da subito, una posizione attiva e senza pregiudizi che blocchino la capacità di ascolto, la conoscenza e il peso delle politiche di genere messe in atto nei Paesi avanzati: quanto cioè il loro impatto sia stato rilevante nel perseguimento della parità.

Nata nel 2013 per volontà della poetessa Regina Resta, l’associazione culturale internazionale “Verbumlandiart – APS”, nei suoi primi otto anni di vita, ha realizzato una rete di iniziative culturali e di interesse attraverso incontri, convegni, rassegne, reading, spettacoli, presentazioni di autori, performance di artisti, cinema, mostre, concorsi e quant’altro che avesse la connotazione di iniziativa di interesse culturale, proponendosi di incrementare la percezione collettiva del valore della ricerca e dello studio individuale in ogni disciplina.