Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana

Fivizzano nella storia. Il Comune premiato a Berlino da Mattarella per la cooperazione tra Italia e Germania

Il presidente della Repubblica e il presidente Federale Frank-Walter Steinmeier hanno premiato oggi a Berlino cinque comuni italiani. Oltre a Fivizzano, anche Bari e Bergamo

FIVIZZANO – Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella e il presidente Federale Frank-Walter Steinmeier hanno consegnato oggi il “Premio dei Presidenti per la Cooperazione comunale tra Italia e Germania” a cinque Comuni italiani e tedeschi: Bari e Hamm (I premio comuni grandi); Bergamo e Ludwigsburg (II premio comuni grandi); San Michele di Ganzaría e Giengen an der Brenz (I premio comuni piccoli e medi); Bastia Umbra e Höchberg (II premio comuni piccoli e medi); Fivizzano e Steinhagen (III premio comuni piccoli e medi).

La cerimonia di consegna del Premio, nato per volontà del presidente Mattarella nel 2020 per riaffermare il valore della collaborazione tra i Comuni italiani e quelli tedeschi,  è avvenuta presso la sede dell’Ambasciata d’Italia a Berlino. Ecco il commento emozionato del sindaco di Fivizzano Gianluigi Giannetti: «Oggi siamo qui nella città di Berlino orgogliosi e felici di condividere il premio del Bando dei Presidenti con i fratelli del Comune tedesco di Steinhagen che da oltre trent’anni condivide insieme a Fivizzano, con passione e con amore, la stessa impresa. Ed è per questo che insieme abbiamo voluto chiamare il nostro progetto congiunto, con il motto latino: “Comites in amore Benigni” che significa: “Compagni affettuosi nella stessa impresa”, mutuando la frase di Jacopo da Fivizzano, pioniere della stampa a caratteri mobili e stampatore dei primi libri al mondo assieme all’inventore della rivoluzionaria tecnica, il tedesco Johannes Gutemberg. E cosa v’è di più bello nella vita che essere “Compagni affettuosi nella stessa impresa”? Significa percorrere lo stesso cammino, nella stessa direzione, con le stesse finalità e, in più, mossi, oltre che dalla volontà e dalla forza d’animo, anche da un grande sentimento d’affetto e di amore! E’ una giornata molto importante per il significato del Premio dei Presidenti e gravida di simboli e aspettative, anche per quanto riguarda la storia dell’Europa delle Nazioni. Con la speranza di condividere il pensiero con tutti i popoli, mi faccio portavoce del messaggio di tutti gli uomini liberi, dovunque essi vivano, anche in segno di Speranza per il futuro che vogliamo costruire nella pace tra i popoli. Se oggi, in questa sede, ove sono riuniti rappresentanti di realtà locali di Italia e Germania, di fronte ai rappresentanti più alti delle due Nazioni, quali i Presidenti Mattarella e Steinmeier, riusciamo a immaginarci e a sentirci tutti come “Compagni affettuosi” nella stessa impresa”, un grande passo della storia verso la pace e l’armonia della nostra comune casa Europea sarà compiuto per la Vittoria del Bene! La Comunità di Fivizzano, dopo il memorabile incontro del 25 agosto 2019, ricordato anche oggi da entrambi i presidenti come giornata che ha segnato la Storia dell’Europa, continua a contribuire e a scriverla nel segno della cooperazione e della pace tra i popoli»

In questa occasione Mattarella ha ricordato la sua visita a Fivizzano, durante la quale il presidente tedesco aveva chiesto scusa per i 175 civili uccisi nel 1944 dai tedeschi.

«Germania e Italia – ha commentato il capo dello Stato nel suo discorso – sono da decenni impegnate in un’analisi rigorosa del passato. Insieme abbiamo vissuto momenti di verità. Desidero qui ricordare uno di essi, senz’altro tra i più toccanti, di cui sei stato coraggioso e autorevole protagonista. Mi riferisco alla Tua indimenticabile partecipazione, nell’agosto del 2019, alla cerimonia commemorativa dell’eccidio di Fivizzano, il cui sindaco è oggi qui presente. In tale occasione hai pronunciato un discorso – in italiano – che vive nella memoria di quanti hanno avuto la fortuna di ascoltarti. Ancora una volta: grazie, caro Presidente, per quelle Tue parole di pace, di libertà, di rinascita, di ricostruzione, di riconciliazione, di futuro»