Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana

Rischio idraulico, via libera al progetto di messa in sicurezza del fosso Calatella

Il Consorzio di Bonifica Toscana Nord ha ricevuto il finanziamento della Regione

Più informazioni su

MASSA – Il Consorzio 1 Toscana Nord ha ottenuto un importante finanziamento dalla Regione Toscana di 25mila euro per realizzare il progetto esecutivo per la mitigazione idraulica del tratto di monte del fosso Calatella. “È un intervento decisivo e molto atteso dall’intera comunità di Massa e per questo ringrazio pubblicamente l’assessore alla Direzione Difesa del Suolo e Protezione Civile, Monia Monni per essersi attivata a tal riguardo – sottolinea il presidente dell’Ente Consortile, Ismaele Ridolfi – questo è uno dei tantissimi lavori di indagine e progettazione che facciamo sulle nostre zone di competenza per cercare di prevenire il rischio idraulico e idrogeologico sul territorio e su tutto il versante apuano”.

Nel passato la zona della Partaccia, area a vocazione turistica e residenziale, era stata oggetto di diverse criticità dovute ai continui allagamenti di abitazioni e terreni imputabili a tombature e ad alcune criticità strutturali dello stesso corso d’acqua, problematiche evidenziate anche dal Comitato Alluvionati 2012. Per questo motivo la Regione Toscana ha deciso di affidare al Consorzio 1 Toscana Nord la progettazione definitiva per creare e studiare un percorso alternativo sul primo tratto del Fosso Calatella che, nei giorni di pioggia, ha avuto difficoltà a smaltire l’acqua in tempi rapidi e congrui creando disagi.

“Il Fosso Calatella è un canale lungo circa 3 chilometri – continua Ridolfi – fondamentale per la regimazione delle acque della zona Partaccia. La progettazione prevederà lavori di adeguamento strutturali, una sorta di nuovo tracciato, che miglioreranno il deflusso delle acque del fosso. La progettazione è il primo fondamentale passo per poi ottenere i finanziamenti necessari per lavori che andranno finalmente a risolvere le numerose problematiche che i residenti hanno avuto nel corso di questi anni”.

Più informazioni su