Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana

Nervosismo e insofferenza ma anche più attività fisica. Stili di vita durante la pandemia: lo studio di Erika Benedetti

La studentessa massese ha scritto una tesi di laurea magistrale basata su un campione al quale hanno contribuito anche i questionari somministrati a coloro che hanno preso parte alla campagna di screening Covid-19 dei mesi scorsi

LERICI – Quale impatto ha avuto la pandemia su stili di vita e stati d’animo? Questo indaga la tesi di laurea magistrale discussa pochi giorni fa da Erika Benedetti, studente lavoratrice 27enne originaria di Massa e residente alla Spezia. Studentessa di Scienze della nutrizione umana all’Università di Pisa, Erika si è cinta di alloro con un ottimo 108/110 e presto si rimetterà sotto in vista dell’esame di Stato per l’iscrizione all’Albo dei biologi, intenzionata a intraprendere un percorso nell’ambito della nutrizione.

Relatrice della tesi la professoressa Valentina Lorenzoni, correlatrice la dottoressa Alessandra Di Sibio, biologa nutrizionista e assessore alla Salute del Comune di Lerici. Alla Di Sibio Erika si è rivolta per fare il tirocinio formativo richiesto dal corso di laurea ed ecco che si è innescato un legame con Lerici che ha fornito importanti dati ai fini dell’elaborazione della tesi.

In particolare, in occasione degli screening Covid-19 effettuati dal Comune lericino attraverso test antigenici rapidi, ai partecipanti sono stati consegnati – diversificati per ogni fascia d’età – questionari sullo stile di vita durante la pandemia. “I questionari – spiega Erika – contenevano domande su aspetti quali abitudini alimentari e attività fisica, indagando altresì se fossero insorti particolari stati d’animo capaci di intaccare la quotidianità degli intervistati”. Circa duecento i questionari compilati e raccolti nel corso dello screening dei lericini, ai quali Erika ne ha unito un centinaio, questi compilati da studenti universitari. Ecco quindi un campione di trecento questionari che la neo dottoressa ha attentamente elaborato.

Quali gli esiti dello studio? “Per quanto riguarda peso e alimentazione, compreso il consumo di alcol e bevande zuccherate, la situazione si è rivelata abbastanza buona, non sono emersi dati particolarmente eclatanti. Positivo anche il livello di attività fisica, generalmente non diminuita. Anzi, un buona percentuale del campione addirittura ne ha fatta di più. Certo, a livello di stati d’animo non sono mancati nervosismo, arrabbiatura e insofferenza”. Un lavoro preciso e appassionato, quello di Erika Benedetti, che nella mattinata di mercoledì 13 ottobre, sarà presentato al Festival della Salute di Lerici, in programma in piazza Garibaldi dall’8 al 17 ottobre.