Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana

«Vietato depositare vasi, ornamenti e fiori sul pavimento». Polemica per un cartello al cimitero

All'attacco Gianni Musetti (Fi): «Un divieto che ha dell'assurdo». La replica di Nausicaa: «Un invito per non ostacolare pulizia e andare incontro a quei cittadini che hanno uno dei propri cari nei forni più alti»

Più informazioni su

CARRARA – È polemica a Carrara per un cartello apparso all’interno dei cimiteri di Carrara che ha lasciato spiazzati gli utenti della struttura: «Ultimo avviso. Si comunica che è vietato depositare vasi, ornamenti o contenitori di fiori sul pavimento. Dal 1 dicembre si provvederà alla loro rimozione e al conferimento alla pubblica discarica. Si ringrazia per la collaborazione. La direzione» recita l’avviso. Sul fronte politico, l’attacco è arrivato da Gianni Musetti di Forza Italia.

«Ci sono cimiteri a Carrara – afferma Musetti – che sono completamente abbandonati, con erba alta e lavori di manutenzione urgenti da fare e che restano nell’incuria più totale. Parlo dei cimiteri, nella maggior parte dei casi, dei paesi a monte, dove le lapidi addirittura stanno sprofondando, per cedimento della terra o perché “sepolte” Dalle erbacce. Fossola, Gragnana, Colonnata, Castelpoggio e tanti altri cimitero sono in condizioni pietose ed è chiara una carenza di manutenzione ordinaria e straordinaria. Ma invece di intervenire e mantenere un decoro nel luogo più sacro che l’amministrazione ha il dovere di imporre alla sua società di gestione, la stessa ha emanato un divieto che ha davvero dell’assurdo. “È vietato mettere fiori ai morti”. In particolare non si possono posare vasetti di fiori alle lapidi a terra, a ridosso del proprio fornetto, anche se, come nel caso degli ossari o di vecchie lapidi, non vi sono i relativi porta fiori per questione di spazio e di tempo di fabbricazione della lastra ornamentale di chiusura del loculo.
Insomma, non si potranno più porre vasi di fiori se non sono attaccati al monumento del defunto. Pena, la rimozione e il conferimento in discarica. Invece di pensare a mantenere in ordine i nostri cimiteri con la manutenzione, si fa una guerra assurda ai vasi di fiori, che sembrano essere diventati un problema insormontabile nei nostri cimiteri.
L’amministrazione dei “sepolcri imbiancati” la finisca di agire con queste follie sulle persone che vogliono portare un ricordo ai proprio cari e pensi invece a fare il proprio lavoro, ordinando a se stessa una maggiore cura delle aree cimiteriali del nostro comune».

La replica di Nausicaa: «Un invito per non ostacolare pulizia»
A stretto giro la replica di Nausicaa: «Al fine di agevolare le operazioni di pulizia e sanificazione delle aree a terra – risponde l’azienda – il cartello esposto voleva essere un invito a non depositare al suolo tutto ciò che ostacolerebbe i consueti lavori di manutenzione, tra cui appunto le pulizie ordinarie. La scelta è stata attuata anche per venire incontro alle molte richieste di quei cittadini che hanno uno dei propri cari nei forni più alti e che risultavano ostacolati dai tanti vasi al suolo, nella movimentazione della scala, per raggiungere la tomba del proprio caro. Per quanto riguarda i cimiteri nelle zone a monte, il taglio dell’erba è svolto con regolarità e ogni cittadino può recarsi a constatarlo di persona. Si aggiunge che sono previsti nuovi interventi di rasatura della vegetazione anche nella seconda parte del mese di ottobre, per consentire un decoro ancora migliore a ridosso della festività dei defunti del 2 di novembre. Ricordiamo infine che, per quanto riguarda eventuali affossamenti, Nausicaa è sempre intervenuta con regolarità nel ripristino di eventuali cedimenti del terreno pendente, ma non può farlo per le opere monumentali delle tombe, in quanto di competenza dei familiari delle strutture».

Più informazioni su