Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana

Cittadini alle urne a Montignoso, Pontremoli e Bagnone: ecco come si vota

Valgono le regole per i comuni sotto i 15mila abitanti. Le modalità sono state pubblicate dal Ministero dell'Interno

MASSA-CARRARA – Cittadini alle urne oggi, domenica 3 ottobre 2021, a Montignoso, Pontremoli e Bagnone per il rinnovo dei consigli comunali e la scelta del nuovo sindaco. Le modalità di voto sono state pubblicate dal Ministero dell’Interno: gli elettori dovranno recarsi ai seggi muniti di un documento di identità valido e della tessera elettorale. Per richiederne una nuova occorre recarsi presso l’ufficio anagrafe del proprio comune e in pochi secondi ne verrà rilasciata una nuova. I seggi resteranno aperti dalle 7 alle 23 domenica 3 ottobre e dalle 7 alle 15 lunedì 4 ottobre.

Di seguito le regole per i comuni fino a 15mila abitanti (è il caso di tutti e tre i comuni: Montignoso, Pontremoli e Bagnone). La regola principale è che non esiste il voto disgiunto sotto i 15mila abitanti. Votare la lista 1 e scrivere come preferenza il nome di un consigliere candidato nella lista 2 non è possibile. In tal caso il voto andrà solo alla lista 1 e al candidato a sindaco ad essa collegato, mentre sarà nullo il voto di preferenza. Sono nulle anche le schede che oltre a riportare segni di riconoscimento, scarabocchi, scritte di qualsiasi genere, recano una ‘X’ su entrambe le liste (o su entrambi i candidati, o due consiglieri appartenenti a entrambe le liste).

Il voto è valido quando viene barrata con una ‘X’ il simbolo di una lista o anche il nome del candidato a sindaco. Segnare sia il simbolo che il nome del candidato è un segno rafforzativo che non annulla la scheda. Possono essere espresse due preferenze tra i candidati alla carica di consigliere, purché siano un uomo e una donna collegati alla lista che viene votata.

Esistono poi casi particolari. Barrare ad esempio i due simboli di una lista, il nome del candidato 1 a sindaco e scrivere accanto a questo quello di un consigliere della lista 1 viene letto come espressione di voto a favore della lista, del sindaco e del consigliere della lista 1.