Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana

«Massa-Carrara perde sempre più spiaggia e la Regione rimane inerme»

La Lega di Massa: «Decine di milioni di euro stanziati negli anni scorsi, poi congelati e dal 2018 sottratti alla nostra costa per fare altro»

MASSA-CARRARA – “Le violente mareggiate di questi giorni hanno inferto ulteriori danni al nostro litorale. Grande la preoccupazione soprattutto negli operatori turistici del settore, che vedono ogni giorno che passa affievolirsi sempre di più la spiaggia. Il rinascimento? Una mera chimera, addirittura è stato fermato anche quello di Poveromo”. Ad intervenire sul problema dell’erosione, tema particolarmente dibattuto nella provincia apuana negli ultimi mesi, è la Lega Salvini Premier di Massa. “C’è forte delusione – affermano – delusione nell’apprendere da fonti giornalistiche che dal 2010 la Regione Toscana è rimasta inerme di fronte al fenomeno erosivo sulla costa massese. L’Assessore regionale all’ambiente Monni ha infatti affermato che “al momento non è previsto alcun intervento sul litorale e non ci sono neppure più i soldi”. Dunque decine di milioni di euro stanziati negli anni scorsi, poi congelati e dal 2018 sottratti alla nostra costa per fare altro. Un unico piccolo intervento iniziato nel 2020 a campagna elettorale per le elezioni regionali in corso e poi stoppato per problemi burocratici”.

“Di fronte a questa situazione – proseguono dal carroccio – la Lega non può che denunciare tale pressapochismo e mancanza progettuale della Regione, ricordando che il litorale è di esclusiva sua competenza: l’invito all’Assessore è di darsi una mossa e recuperare questo allarmante vuoto; data l’assenza della Regione, nel corso degli anni sono stati presentate diverse soluzioni per mitigare il fenomeno sia da parte dei balneari sia, dal 2019, con il supporto del Comune di Massa. C’è la proposta di un ripascimento urgente e cantierabile adesso per poter finire i lavori prima dell’estate 2022. C’è la proposta delle barriere di ripopolamento ittico Tecno-Reef, per risolvere il problema definitivamente. Entrambe non hanno ricevuto né soldi né una risposta. Questo è un danno gravissimo per la nostra terra, sia dal lato ambientale che da quello economico-turistico”.

“La Lega Massa – concludono – auspica quindi che si passi dalle passerelle elettorali per cercare qualche voto in più al candidato sindaco del PD di Montignoso, come fatto giorni fa dall’Assessore, a risposte più serie e sensate. Se l’intenzione della Giunta del Presidente Giani sia quella di alzare definitivamente bandiera bianca sull’argomento, deleghi completamente con atto ufficiale la competenza all’Amministrazione Persiani, che di sicuro sarà più operativa e celere”.