Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana

Pazienti oncologici: l’alimentazione per aiutare le cure e migliorare la qualità della vita foto

Day hospital oncologico di Carrara: in dono ai pazienti la guida per la promozione del mangiare sano

CARRARA – Al day hospital oncologico di Carrara, è avvenuta la consegna da parte dell’Associazione italiana contro leucemie, linfomi e mieloma (Ail) sezione provinciale di Massa-Carrara, di una breve guida alimentare rivolta ai pazienti della struttura e ai loro familiari. Il progetto è stato realizzato grazie a una borsa di studio, dedicata a Marida Dazzi, che è stata destinata da Ail all’Istituto professionale di stato Servizi per l’enogastronomia e l’ospitalità alberghiera “G. Minuto” di Marina di Massa.

Il progetto ha ottenuto il patrocinio di Confartigianato imprese Massa-Carrara, Provincia di Massa-Carrara e Ministero dell’Istruzione – Ambito territoriale di Lucca e Massa-Carrara. L’opuscolo “I colori della ricetta”, che da oggi è a disposizione della struttura di oncologia, è stato realizzato dagli alunni delle classi prima G, seconda D, seconda H dell’anno scolastico 2020-2021, con il contributo dei docenti e promuove una dieta equilibrata con prodotti locali e di stagione, con particolare attenzione ai metodi di cottura e all’utilizzo di erbe aromatiche.

Andrea Mambrini, direttore dell’Unità operativa complessa di Oncologia di Massa Carrara dell’Azienda Usl Toscana nord ovest, ha ringraziato i presenti per questo importante segnale di ritorno alla normalità e ha ricordato il valore che la nutrizione svolge per una qualità di vita migliore nel paziente oncologico.

Ezio Szorenyi, presidente Ail sezione Massa-Carrara, si è detto molto felice per questo progetto volto al termine nonostante le difficoltà legate al periodo di Covid. “La guida evidenzia – ha sottolineato il presidente – come una sana alimentazione sia indispensabile accompagnamento alla cura del paziente. Al contempo, grazie alle ricette presenti nell’opuscolo, l’alimentazione può essere anche gustosa per quei pazienti che spesso risultano inappetenti”. Szoreny si è detto fiducioso di una ripartenza volta alla sensibilizzazione dei temi dell’associazione nelle scuole, purtroppo interrotta dalla pandemia.

La preside dell’Istituto alberghiero di Massa, Silvia Bennati, ha invece sottolineato l’importanza di questi progetti che, partendo da una base teorica, sono volti a realizzare uno strumento pratico, incrementando la cultura del mondo della salute nella scuola. Gabriele Mascardi, Confartigianato imprese Massa Carrara, si è detto felice di aver finanziato il progetto perché queste iniziative coinvolgono il mondo dei giovani verso importanti campagne di sensibilizzazione in tema sanitario.

Vincenzo Genovesi, dell’Ufficio scolastico provinciale, ha infine ricordato l’importanza di un progetto così complesso che si sviluppa su più istituzioni. Erano inoltre presenti: Roberta Della Seta, ematologa presso il day hospital onco-ematologico di Carrara, Roberta Tartarini, nutrizionista presso il day hospital onco-ematologico di Carrara e Riccarda Grassi, componente Ail.